MENU

22 agosto 2011

Alpi Orientali · Mountain Refuge · Rifugi · Trekking · Cima Fradusta · Cima Vezzana · Dolomiti · Dolomiti Palaronda Hard Trek · Dolomiti Palaronda Soft Trek · experience · ferrata Bolver Lugli · Ghiacciaio della Fradusta · Pale di San Martino · Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino · rifugi alpini · Rifugio Canali Treviso · Rifugio del Velo della Madonna · Rifugio Pradidali · Rifugio Rosetta · Trekking · trekking itinerante · Hiking e Trekking · Walking · Alpi Orientali · Aree Montane · Rifugi

DOLOMITI PALARONDA TREK Trekking itineranti nelle Pale di San Martino

Per chi vuole vivere la montagna nella sua essenza e riscoprire l’austera bellezza delle Pale di San Martino, elemento che incuriosì viaggiatori ed alpinisti stranieri fin dal secolo scorso,  è possibile l’esperienza di un trekking itinerante e  tappe nei rifugi alpini a quota 2500 m,  con due tour: il Dolomiti Palaronda Soft e Hard Trek.

L’altopiano, un tavolato di pietra sospeso ad oltre 2000 metri d’altezza, si estende per cinquanta kmq di nuda roccia con profondi crepacci, guglie e cime altissime.

Il Palaronda Soft Trek si basa su un circuito di 4 giorni mentre l’Hard Trek ha una durata di 5 giorni; entrambi con pernottamento in rifugio alpino. Il percorso si svolge in autonomia, senza l’accompagnamento di guida (disponibile solo su richiesta).

Indispensabile essere adeguatamente equipaggiati ed allenati.

DOLOMITI PALARONDA SOFT TREK (4 giorni)
1° Giorno (San Martino di Castrozza – Rif. Rosetta). 4h dislivello in salita (1.100 mt). Arrivo a San Martino di Castrozza presso la partenza degli impianti Colverde-Rosetta. Seguendo il sentiero 701 si sale all’altopiano delle Pale al rifugio Rosetta (o con gli impianti Colverde – Rosetta). Dalla stazione di arrivo della funivia Rosetta possibilità di proseguire con una facile camminata (0,20 h) fino a Cima Rosetta (2743mt) per godere di uno splendido panorama su San Martino di Castrozza, Passo Rolle e le valli di Primiero e Vanoi. Cena e pernottamento presso il rifugio alpino Rosetta (mt 2581).
2° Giorno (Rif. Rosetta–Ghiacciaio della Fradusta–rif. Pradidali)- 3h dislivello in salita (300 mt). Colazione. Dal Rifugio Pedrotti alla Rosetta lungo il sentiero 709 ci si porta in due ore alla base del ghiacciaio della Fradusta. Salendo lo spallone di sinistra, si raggiunge in un’ora circa la splendida e panoramica Cima (m. 2939) situata proprio nel cuore delle Pale di San Martino. Tornati alla base del ghiacciaio e superato il vicino Passo di Pradidali Basso, si scende nella spettacolare conca dell’alta Val Pradidali fino all’omonimo Rifugio. Cena e pernottamento presso il Rifugio Pradidali (mt 2278).
3° Giorno (Rif. Pradidali – Rif. Treviso/Canali)- 5h dislivello in salita (300 mt) – in discesa 1.100 mt). Colazione. Dal Rifugio Pradidali lungo il sentiero 709 si scende in Val Pradidali, attraverso un sentiero panoramico che si snoda tra impressionanti pareti verticali, si arriva alla magnifica Val Canali, dove è possibile ammirare la bellezza di Cima Canali, le mille guglie del Cimerlo e l’imponente torrione del Sass Maor. Si piega poi a sinistra in direzione di Malga Pradidali (ruderi) e Malga Canali attraverso un fitto bosco di abeti e larici che e verdi prati, proprio nel cuore del Parco Naturale Paneveggio-Pale di San Martino. In berve tempo attraverso il sentiero n 707 si raggiunge il Rifugio Canali-Treviso (mt 1631), situato proprio di fronte al Sass d’Ortiga. Cena e pernottamento presso il rifugio alpino Canali-Treviso (mt. 1631).
4° Giorno – (Rif. Treviso/Canali – Rif. Rosetta – San Martino di Castrozza) – 7 h dislivello in salita (1.100 mt). Colazione. Per completare l’esplorazione dell’Altopiano, si risale lungo il sentiero n 707 l’ampio vallone del “Coro”, giungendo al Passo Canali (2 h/2h 30m) e in breve tempo all’orlo orientale dell’Altipiano dove la vista spazia a 360° sulle Dolomiti. Con altre 2h 30m di cammino lungo il sentiero n 707 si raggiunge il Rifugio Rosetta. Discesa verso San Martino di Castrozza con gli impianti Colverde-Rosetta e rientro al punto di partenza.

DOLOMITI PALARONDA HARD TREK (5 giorni)
1° Giorno: (San Martino di Castrozza – Rifugio Pradidali). Da San Martino di Castrozza ci si porta nella suggestiva zona dell’altopiano delle Pale servendosi degli impianti di risalita Colverde – Rosetta, da dove lungo i sentieri 702 e 715 si raggiunge il Rifugio Pradidali attraverso la bellissima Val di Roda in circa h 2,30. Cena e pernottamento al Rifugio Pradidali.
2° Giorno: (Rifugio Pradidali – Rifugio Velo della Madonna). Dal Rifugio Pradidali vi sono due possibilità per raggiungere il Rifugio Velo della Madonna. Percorrere la via ferrata del Porton e del Velo molto attrezzate e piuttosto esposte che attraversano ripide pareti e profonde valli (h 4.00/5.00). Percorrere il sentiero attrezzato Nico Gusella più semplice con la possibilità di salire sulla Cima Val di Roda e poi la ferrata del Velo difficoltà media (h.5.00/6.00). Cena e pernottamento al Rifugio del Velo (2358 m).
3° Giorno: (Rifugio Velo della Madonna – Rifugio Canali – Treviso). Dal Rifugio Velo attraverso il bellissimo sentiero attrezzato del Cacciatore che corre alla base della suggestiva parete del Sass Maor attraversando ripidi pendii erbosi si scende in Val Pradidali da dove su facile sentiero immerso nel bosco si raggiunge il rifugio Treviso (h.5.00/ 6.00). Cena e pernottamento al Rifugio Treviso.
4° Giorno: (dal Rifugio Treviso al Rifugio Rosetta – SAT). Dal Rifugio Treviso lungo il sentiero 707 si raggiunge il Passo Canali e quindi il bordo orientale dell’altipiano, sempre lungo il sentiero 707 si arriva in prossimità del ghiacciaio Fradusta (possibilità di salire Cima Fradusta, (mt. 2939, h.1.30) quindi al Rifugio Rosetta (SAT), (h.6.00 ). In serata dal Rifugio Rosetta (SAT) possibilità di ammirare il tramonto sulla Cima. Cena e pernottamento al Rifugio Rosetta (SAT).
5° Giorno: (Rifugio Rosetta (SAT) – Ferrata Bolver Lugli – rientro a valle). Attraverso i sentieri 701/712 si raggiunge in circa 1 h l’attacco della ferrata Bolver Lugli, una delle più belle e suggestive ferrate delle Dolomiti, molto interessante non solo per il panorama ma anche per la difficoltà ed esposizione (dislivello della sola ferrata 500 mt). Possibilità di concatenare la salita alla Cima Vezzana, la più alta cima del Gruppo delle Pale (mt 3192 ). Rientro attraverso il sentiero 716 al Rifugio Rosetta (SAT) e quindi con l’impianto a valle.

Punto di arrivo/partenza dei  tour: San Martino di Castrozza (1450 mt)
Termine: fino al 19 settembre 2011
Prenotazioni:Individuali. Su richiesta anche per gruppi.
Conferma di prenotazione: almeno una settimana precedente.
Cartografia:Tabacco f.022 – 1:25.000; Kompass f.622 – 1:25.000

Per informazioni: Ufficio Booking Apt – tel. (0039) 0439-768867 – www.sanmartino.com

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,