MENU

28 febbraio 2011

Skitouring & Ski Alp · action · Campionati mondiali scialpinismo · Claut · Emanuela Di Centa · ISMF · Lluis Lopez · Piancavallo · sci alpinismo · ski alp · Ski · Ski Touring e Ski Alp

MONDIALI DI SCI ALPINISMO A CLAUT Il successo della passione

Nella giornata di venerdì 25 febbraio si sono conclusi nel migliore dei modi i Campionati mondiali di Scialpinismo Claut 2011, con una grande festa che ha coinvolto tutti, dai partecipanti e accompagnatori ai numerosi volontari e associazioni locali che hanno attivamente collaborato per un’intera settimana di gare ad altissimo livello agonistico.
Ai mondiali erano presenti ventuno nazioni per un totale di oltre duecentocinquanta atleti.

Nella giornata di chiusura dei Campionati del Mondo di Claut nel polo sciistico di Piancavallo sono state assegnate le medaglie nella staffetta. Nella disciplina che più di tutte esprime la forza e la tenacia non di un solo elemento, ma di un’intera nazione, un mix tra le doti di tutti gli staffettisti, si è assistito ad una gara al maschile incerta sino alla fine. Alla fine è stata l’Italia a volare sul tetto del mondo, con gli azzurri Eydallin, Antonioli, Reichegger e Trento che vincono la decima medaglia d’oro italiana di questi Campionati. La Svizzera è oro nella gara al femminile con Etzensperger, Magnenat, Richard, e vince anche con i giovani.
Nel medagliere di questi Mondiali l’Italia è terza con ventisette medaglie: oltre agli ori ci sono dodici medaglie d’argento e cinque di bronzo.

I Campionati del Mondo di scialpinismo vanno così in archivio, con un successo dovuto alla passione di chi ha creduto in questo progetto e al sostegno di tutte le istituzioni che hanno creduto e voluto dare il loro sostegno al Comitato organizzatore Valcellina skimountaineering fvg.

La Regione autonoma Friuli Venezia Giulia è intervenuta non solo mettendo in campo fondi adeguati ma anche coinvolgendo le proprie strutture tecniche di riferimento quali la Protezione civile, l’Osservatorio meteorologico regionale, il 118 Regione-Soccorso, il Corpo forestale regionale, l’Agenzia Turismo fvg e l’Agenzia regionale per lo sviluppo rurale – unitamente agli assessorati regionali di riferimento, cioè quelli dello Sport, del Turismo, della Protezione Civile, delle Risorse rurali, agroalimentari e forestali e della Sanità. Determinante è stato inoltre il supporto offerto da enti sovra comunali e istituzioni quali la Provincia di Pordenone, la Comunità Montana del Friuli Occidentale, l’Azienda sanitaria n.6, il Parco delle Dolomiti Friulane, la Camera di Commercio Industria e Artigianato di Pordenone e la Fondazione Crup.
La prevenzione e la sicurezza sia nei paesi di fondovalle sia nelle sedi di gara è stata garantita anche con la presenza del Corpo forestale dello Stato, i Carabinieri di Selva di Val Gardena, la Polizia di Moena e la Guardia di Finanza di Tolmezzo e di Sella Nevea.

Le gare hanno avuto luogo nel comprensorio sci alpinistico del Pradut Ressetùm (Claut) e nel Polo sciistico di Piancavallo (Aviano).
Emanuela Di Centa, delegata da parte del Cio (Comitato olimpico internazionale) era presente per valutare e definire il percorso di avvicinamento e inserimento dello Scialpinismo nelle discipline olimpiche.
In questo contesto a Claut era presente anche il presidente Lluis Lopez della ISMF, federazione internazionale dello scialpinismo.

Tags: , , , , , , , ,