MENU

24 aprile 2015

Fly · in evidenza · action · imprese in parapendio · parapendio · Pierandrea Patrucco · volo libero · Altri · Fly

PIERANDREA PATRUCCO. A maggio, dalle Alpi al mare di Sicilia in parapendio

Pierandrea Patrucco. Fonte: FIVL

Pierandrea Patrucco. Fonte: FIVL

PIERANDREA PATRUCCO. L’ITALIA DA NORD A SUD, CON IL PARAPENDIO. QUESTO IL PROSSIMO  PROGETTO DEL CAMPIONE DEL MONDO DI VOLO IN BIPOSTO

Pierandrea Patrucco, di Loranzè d’Ivrea (TO), è un personaggio molto
noto nel mondo del volo libero, due volte campione italiano di parapendio,
due volte vincitore della World XContest biposto, gara on line,
seguitissima. Al suo attivo circa 18000 ore di volo consumate nei cieli
sopra le Alpi. L’ultima volta si cimentò in un volo di ben 950 km, dal
Principato di Monaco al Friuli, il “volo bivacco” come ama chiamare le sue
imprese. Fu fermato dal maltempo mentre stava per varcare il confine con la
Slovenia.

Un nuovo, imminente progetto di “volo bivacco” si concretizzerà a partire
dal prossimo maggio, meteo permettendo. Patrucco ha deciso di percorrere
l’Italia da nord a sud volando in parapendio, senza l’ausilio di altri mezzi
di trasporto. Decollo, volo, atterraggio e, in attesa del volo successivo,
sosta dove ha toccato terra. Poi a piedi verso un nuovo decollo per librarsi
ancora in volo e così percorrere tutta la penisola, volando o camminando.

Patrucco. Fonte: FIVL

Patrucco. Fonte: FIVL

La data di partenza è ancora da decidere, come non si può stabilire una
rotta a priori. Neppure sa quanto impiegherà per realizzare questa unione
aerea tra le vette delle Alpi ed il mare della Sicilia. Tanto dipende dal
tempo, dalle nuvole, dai venti, molto dalle sue gambe, il meno possibile,
spera Patrucco, perché ai piloti piace volare, non camminare.

Lo aiuteranno strumenti quale il variometro che segnala la presenza di
correnti d’aria ascensionali originate dal riscaldamento del suolo sotto i
raggi del sole, unica change da sfruttare per salire in cielo, guadagnare
quota e poi spostarsi lungo il territorio, perché parapendio e deltaplano
non hanno motore. E poi il GPS che registra l’avanzamento del mezzo durante
il volo e la traccia della rotta sarà visibile in tempo reale via web,
insieme a fotografie, filmati ed altro. Lo aiuteranno soprattutto abilità ed
esperienza, il saper cogliere i segnali del cielo, le nubi, il volo degli
uccelli, e poi l’osservazione del suolo, dei pendii montani, delle valli che
sorvolerà durante il viaggio, una traccia lunga quanto l’Italia.

Gustavo Vitali/FIVL

Tags: , , , ,