MENU

12 gennaio 2018

Alpinismo e Spedizioni · Vertical · Resto del Mondo

Alex Txikon e il suo team al Campo 1 dell’Everest

Alex Txikon nella Cascata de Hielo, Gennaio 2018. Foto: arch. A. Txikon

Ci sono voluti solo quattro giorni per attrezzare il Khumbu Icefall e raggiungere il Campo 1 dell’Everest (6.050 m), cinque giorni in meno rispetto all’anno scorso. E questo nonostante la squadra sia composta da un numero minore di persone

Alex Txikon e il suo team hanno già attrezzato il percorso fino al Campo 1 dell’Everest, situato a 6.050 metri di quota e sono riusciti a superare l’Icefall, uno dei tratti più difficili, e le salite pericolose a a causa del rischio di frane e valanghe. L’anno scorso hanno avuto bisogno di più giorni per preparare questa parte del percorso. Inoltre, hanno impiegato  sei persone, rispetto alle undici che hanno lavorato a questo tratto nella spedizione precedente. Indubbiamente, attrezzare la cascata del Khumbu in soli quattro giorni è un ottimo inizio per la spedizione. Significa che la squadra, oltre ad aver trovato questa sezione in buone condizioni, è forte e molto motivata.

Alex Txikon nella Cascada de Hielo, Gennaio 2018. Foto: arch. A. Txikon

Questo è ciò che Alex Txikon ha raccontato di questi giorni sui suoi canali social:

Oggi, 11 gennaio, dopo quattro giorni di lavoro nel Khumbu Icefall, abbiamo raggiunto il Campo 1 a 6.050 metri. Il lavoro è stato svolto da sei alpinisti: Tenzing Gyalzen, Gelje, Cheppal, Walung Dorji, Pasang Nourbu ed io, Alex Txikon. Nel frattempo, Ali Sadpara, Nuri e Temba Bhote si sono acclimatati in un’area vicina in modo di riservare le loro forze per altri compiti.

Sono stati 4 giorni difficili di duro lavoro con carichi di 25-35 kg per ognuno di noi. Le cose apprese lo scorso anno sono state fondamentali e dopo quattro giorni di sforzi abbiamo raggiunto questo primo obiettivo, a differenza dell’anno scorso in cui ci sono voluti nove giorni. Secondo quello che ci dicono da Kathmandu, ritengono incredibile che solo 6 persone in 4 giorni siano state in grado di attrezzare la cascata del Khumbu. La cascata è un percorso molto complesso che ha richiesto la nostra massima concentrazione,  quest’anno, inoltre, insieme a Geije, ho contribuito alla ricerca delle aree più stabili partecipando alle decisioni. Un ottimo lavoro, siamo molto felici. “