MENU

16 settembre 2020

Running · Trail Running · Alpi Orientali · Aree Montane · Europa

“AlpFrontTrail”, corsa lungo il confine Italia-Austria. Al via il 6 ottobre

Linea di confine Italia/Austria. Fonte: alpfronttrail.com

Le squadre, formate da due runner ciascuna, correranno lungo la storica linea di confine affrontando 850 i chilometri di dislivello e 55.000 metri di dislivello

Un percorso di 850 chilometri e un dislivello di 55.000 metri: sono i numeri dell’AlpFrontTrail, che tra il 6 e il 14 ottobre 2020, a cento anni dall’annessione dell’Alto Adige all’Italia, impegnerà i team internazionali, ciscuno composto da due atleti di spicco, a correrer lungo il confine storico tra Italia e Austria.

L’AlpFrontTrail, patrocinato dall’Euregio Tirolo – Alto Adige – Trentino, non è solo un evento sportivo. In questa corsa, spiega una nota, “viene portata all’attenzione del pubblico la linea di confine, assieme ai relativi cimeli di guerra, si ricordano gli eventi passati e i fatti storici sono elaborati dai ricercatori di Eurac Research. Attraverso lo sport il confine, un elemento che separa, si trasforma in un’esperienza che lega e viene tenuto alto il valore della libertà”.

L’idea dell’AlpFrontTrail nasce da Philipp Reiter, trail runner e videomaker ventinovenne originario di Bad Reichenhall (Baviera) e dal fotografo altoatesino Harald Wisthaler.

Prima tappa: Grado-Passo dello Stelvio

La corsa prenderà il via martedì 6 ottobre con la prima tappa da Grado al santuario di Castelmonte.
Il tragitto porterà poi a Sesto passando per la Val Canale e Tarvisio, da lì proseguirà per Arabba e Grigno fino a raggiungere Riva del Garda, da cui sarà percorsa l’ultima parte, che affrontando il passo Tonale e l’Ortles raggiungerà infine il Passo dello Stelvio.

“Parteciperanno – annuncia Wisthaler – Anton Palzer, Daniel Jung, Eva Sperger, Jakob Hermann, Martina Valmassoi, Hannes Perkmann, Marco De Gasperi, Ina Forchthammer e Tom Wagner: alcuni tra i migliori trail runner al mondo. Inoltre ci sarà anche l’olimpionica del biathlon Laura Dahlmeier“.