MENU

5 dicembre 2019

Alpinismo e Spedizioni · Vertical · Resto del Mondo

Artico. Due norvegesi in marcia verso Mike Horn e Borge Ousland

Traversata dell’Artico, 2019: Mike Horn e Borge Ousland al Polo Nord. Foto: Mike Horn.

Due norvegesi sono in marcia verso i due esploratori per rifornirli di cibo

Borge Ousland e Mike Horn continuano la loro traversata sui ghiacci verso Sud, con scorte alimentari per soli due giorni. Intanto, Bengt Rotmo e Aleksander Gamme, si sono messi in  marcia verso i due esploratori per rifornire loro cibo, se necessario.

Negli ultimi giorni Ousland e Horn hanno affrontato con gli sci quasi 30 km al giorno, nonostante le temperature di -40 ° C e senza dormire molto. “Camminiamo come due ubriachi”, ha riferito Ousland nei giorni scorsi.

La Lance,  nave rompighiaccio a supporto  di Pangaea (barca di Horn), è partita martedì 3 dicembre e non riuscendo a procedere nella giusta direzione ha sbarcato  Rotmo e Gamme a circa 82° Nord che, secondo una fonte norvegese, si troverebbero a soli 40 km da Ousland e Horn.

Dall’ultimo post di Horn, pubblicato ieri:

“I forti venti stanno arrivando domani e dopo domani, quindi potremmo dover aspettare prima di partire di nuovo. Questa potrebbe essere una benedizione  perché ci darà un po ‘ di tempo per riposare, mangiare e raccogliere le nostre forze per l’ultimo tratto della spedizione”.

Oceano Artico: i due esploratori norvegesi lasciano la Lance. Fonte: Mike Horn/facebook/Foto:Jørgen Braastad

Mike Horn  il 3 dicembre aveva fornito il seguente aggiornamento:

“Come molti di voi sanno, l’obiettivo di questa spedizione era di essere lasciati a 85 gradi nord con la mia barca Pangea (versante Alaska), per compiere la traversata dell’Oceano Artico dal Polo Nord (90 gradi a nord), sul versante norvegese, fino a raggiungere una posizione soddisfaciente per essere recuperati da Pangea. Abbiamo stimato che questa posizione si trova a ca. a 80 gradi nord, in base alle immagini del satellite. Questo avrebbe voluto dire coprire, dall’inizio alla fine, circa 1600 km (in linea retta).
Con il passare dei giorni, delle settimane e dei mesi, è diventato sempre più evidente che  Borge Ousland ed io saremmo stati a corto di cibo per coprire la distanza che avevamo immaginato. Dall’inizio della spedizione, i nostri progressi quotidiani (AV. 15 km / giorno) sono stati molti meno di quanto ci aspettassimo, soprattutto a causa dell’enorme quantità di acqua aperta, maltempo e derive di ghiaccio negativo che ci ha spinto indietro. In base alla posizione in cui ci troviamo attualmente (82 deg56′), abbiamo coperto poco più di 1300 km in  linea retta, il che significa che dovremmo affrontare ancora altri 300 km per raggiungere Pangea a 80 gradi… Con 3 giorni di cibo rimasti, questo sarebbe impossibile.
Quindi non abbiamo avuto altra scelta che trovare un piano alternativo di ritiro. Per concludere la spedizione nello stesso modo in cui l’abbiamo iniziata (in barca), abbiamo trovato una nave norvegese rompighiaccio (Lance), più grande di Pangea, disposta ad aiutarci.
Mentre scrivo queste righe,  la Lance sta arrivando a prenderci. Ci siamo dati appuntamento a 82 gradi a nord, il che significa che abbiamo ancora ca. 90 km da coprire con 3 giorni di cibo rimasti… A bordo della Lance, c’è una squadra di navigatori professionisti su ghiaccio ed esploratori norvegesi attrezzati per venirci incontro sul ghiaccio con cibo extra nel caso in cui Lance rimanesse bloccata di nuovo e non riuscisse a recuperarci, prima dell’esaurimento delle nostre scorte di cibo.”

Le posizioni della nave di supporto e Ousland e Horn a partire da lunedì (Lundi) e martedì (martedì). Fonte: Mike Horn/facebook