MENU

7 giugno 2018

Climbing · Vertical · Appennini · Aree Montane · Italia · Lazio

Bambina di 9 anni precipita da una parete di arrampicata in un centro commerciale. Aperta inchiesta

Arrampicata in palestra. Fonte: internet

L’incidente, al centro commerciale Euroma 2. La bambina di 9 anni ha riportato la rottura di diverse vertebre

Una ragazzina di 9 anni, lo scorso 22 aprile è precipitata, mentre arrampicava su una parete artificiale attrezzata, montata al centro commerciale Euroma2. La causa è una probabile lacerazione della corda di protezione. Un incidente su cui sta indagando la Procura di Roma che ha aperto un fascicolo per “lesioni gravissime”.

Secondo quanto riportato da RomaToday, la bambina, imbracata, aveva iniziato la salita. Tutto sembrava tranquillo con i genitori che stavano riprendendo le gesta della figlia con il loro cellulare. C’erano anche altri bambini accanto a lei. D’un tratto la corda si rompe. La caduta è inevitabile. L’ambulanza soccorre con tempestività la ragazzina che viene portata al Bambino Gesù, dove rimane per dodici giorni.

La minore ha riportato la rottura di diverse vertebre, ma le sue condizioni al momento sembrano scongiurare danni permanenti.

Al momento non ci sono indagati, ma il perimetro delle responsabilità secondo gli inquirenti è limitato. I genitori della bambina, assistiti dagli avvocati Giuseppe Campanelli e Carlo Petrone, hanno presentato un esposto in procura ed il pm Maria Bice Barborini ha fatto sequestrare la corda e ha disposto una consulenza per accertare lo stato di usura della fune in un procedimento che si è avviato d’ufficio.