MENU

17 maggio 2018

Alpinismo e Spedizioni · Vertical · Resto del Mondo

Collegamento con Marco Confortola dal Kangchenjunga, questa sera su Radio24

Kangchenjunga: Marco Confortola

Aggiornamento del 18 maggio:
Marco Confortola, in collegamento con Radio24 dal CB del Kangchenjunga (5500 metri), ha confermato a Giordano:  “nella vita bisogna sapere anche rinunciare… capire dove è il limite… quest’anno il Kangchenjunga non mi vuole… torno a casa”.

Alle 21:45 l’alpinista valtellinese sarà in collegamento con la trasmissione “Effetto Notte” di Radio 24, dalla terza montagna più alta del pianeta

Ieri Marco Confortola, dopo aver raggiunto il Campo 4 del Kangchenjunga, posizionato a  74oo circa e,  successivamente lanciato il tentativo al vertice, a quota 8000 metri  rinunciava alla vetta, specificando “almeno per oggi “,  per il troppo freddo.

In uno dei suoi messaggi annunciava la discesa verso  C2, dove si sarebbe fermato per qualche ora, prima di rientrare al Campo Base.

Ricordiamo che Confortola, è impegnato nella scalata della terza montagna più alta del  pianeta (8.586 m), senza ossigeno supplementare. Si tratta del suo secondo tentativo, dopo quello del 2014.

Kangchenjunga, 2018: Marco Confortola. Fonte: facebook

 

Attraverso i suoi canali social, oggi l’alpinista conferma di star bene, fisicamente e mentalmente.

Scrive: “Sono sereno per la scelta che ho preso.Ho sentito che quello non era il mio momento. In poco tempo, cambio di obiettivo: scendere e non più salire. Avevo troppo freddo per poter continuare e la salita di una montagna la si deve gustare e oltre alla fatica, non devi smettere di provare attrazione per essa. Quando invece la tue sensazioni ed emozioni sono altre e non sempre positive, allora quello è il momento giusto per cambiare direzione agli scarponi. 

Kangchenjunga 2018. Foto: Marco Confortola. Fonte: facebook

Continua il valtellinese – E’ difficile a volte prendere delle decisioni drastiche ma se lo si fa’ con la chiarezza e la sicurezza che sia la cosa giusta, è pace, sia per il cuore che per la testa. Non ho vacillato, ero sereno, sono sereno. Le montagne restano, le perone no.
A volte spingersi oltre il proprio limite può fare la differenza in positivo ma anche in negativo e ieri non era la giornata ideale per sperimentarlo.
E’ vero , mi sono allenato 1 anno intero, ma l’allenamento non è solo quello fisico ma è anche quello mentale e allenare la mente alla rinuncia ne fa parte perché devi essere veloce e pronto al cambiamento.” Conforla conclude scrivendo: “Chi ieri ha rinunciato non è ancora rientrato al CB e il vociferare, fa pensare che qualcuno voglia ritentare la cima. Siamo qui per questo motivo e se hanno energia sufficiente e le motivazioni giuste, facciamo il tifo per loro.”

Roberta Giordano, Effetto Notte/Radio 24


Quest’ultima parte del suo messaggio non è molto chiara… Ci sarà un altro tentativo alla vetta?

Attendiamo di saperne di più questa sera. E’ infatti previsto un collegamento con Confortola dal Kangchenjunga nella trasmissione “Effetto Notte”, condotta da Roberta Giordano. L’appuntamento è alle ore 21:45 su Radio24.

Aggiornamento del 18 maggio:
Marco Confortola, in collegamento con Radio24 dal CB del Kangchenjunga (5500 metri), conferma a Giordano:  “nella vita bisogna sapere anche rinunciare… capire dove è il limite… quest’anno il Kangchenjunga non mi vuole… torno a casa”.