MENU

28 maggio 2020

Freestyle e Freeride · Ski · Alpi Occidentali · Aree Montane · Italia · Valle d'Aosta

Discesa con gli sci dalla Nord dell’Aiguille Blanche de Peuterey, sulle orme di Anselme Baud e Patrick Vallencante

Parete Nord dell’Aiguille Blanche de Peuterey: la linea, senza rappel, dei cinque sciatori. Foto: Vivian Bruchez

Vivian Bruchez, Tom Lafaille, Boris Langenstein, Tiphaine Duperier e Guillaume Pierrel ripetono l’impresa di Baud e Vallenchant del 1977

Lunedì 25 maggio, cinque sciatori hanno realizzato una bellissima e rara discesa sulla parete Nord dell’Aiguille Blanche de Peuterey (4.112 m). L’impresa, compiuta per la prima volta da Anselme Baud e Patrick Vallenchant nel 1977, è stata ripetuta da Vivian Bruchez, Tom Lafaille, Boris Langenstein, Tiphaine Duperier e Guillaume Pierrel.

“Discesa con gli  sci della Blanche de Peuterey, oggi lunedì 25 maggio 2020.  Il sogno di uno sciatore, il sogno fin da bambino. Una montagna e una parete che mi stavano molto a cuore! È per questo tipo di discesa che amo lo sci. In primo luogo  per l’estetica di una cima, poi per la linea, infine e soprattutto per i compagni di avventura. Oggi eravamo in cinque in quella parete…”.  È così che Vivian Bruchez ha annunciato sui social di aver compiuto la discesa con gli sci della parete Nord dell’Aiguille Blanche de Peuterey, una vetta remota, situata  nel versante italiano del massiccio del Monte Bianco,  sull’omonima cresta tra il Noire de Peuterey e il Grand Pillar of Angle.

Vivian Bruchez conosce bene la cresta di Peuterey, avendovi già realizzato un tour con gli sci  a luglio 2016 con Kilian Jornet. La guida  spiega che l’idea  è stata di Guillaume Pierrel che lo ha coinvolto. Con loro, anche Boris Langenstein e Tiphaine Duperier, noti  per le loro discese in Karakoram, e il giovane Tom Lafaille, appena 19enne e già abituato alle uscite con Vivian.

Bruchez, ha all’attivo molteplici aperture nel massiccio del Monte Bianco.

Dopo l’impresa di Anselme Baud e Patrick Vallenoquer del 1977, la montagna ha visto pochissime discese: l’apertura di una linea sul suo pendio  firmata  da Stefano De Benedetti nel 1984 e alcune ripetizioni.

A seguire, la prima discesa della parete compiuta da Anselme Baud e Patrick Vallencant nel 1977 nel documentario “Peutery la Blanche”, che li ha resi noti al grande pubblico. Nel film, in due parti, il commmento di Anselme Baud: