MENU

11 settembre 2019

Climbing · Vertical · Resto del Mondo

Federica Mingolla ed Edoardo Saccaro aprono una nuova via sulla Sud del “Nalumasortoq”

Edoardo Saccaro e Federica Mingolla durante l’apertura sul Nalumasortoq. Foto arch. E.Saccaro/F. Mingolla. Fonte: facebook

“La Cura” è la nuova via aperta in otto giorni dalla cordata italiana in Groenlandia. Una via di arrampicata di 500 metri e difficoltà massima 7b+/A2. Il freddo intenso ha impedito ai due climber di liberare tutte le lunghezze

“Tasermiut è il paradiso”, afferma Federica, “non solo per arrampicarsi, ma anche per vivere davvero in mezzo alla natura selvaggia”. Dopo una prima esplorazione dell’area, Federica racconta  che il granito delle pareti “non era solido e pulito come avevamo immaginato, in realtà presentava alcune ‘insidie’, specialmente in placca, sebbene nelle fessure fosse più solido anche se a volte ricoperto di licheni “.

Quando hanno visto il grande monolite del Nalumasortoq, hanno deciso il loro obiettivo: “Non c’era dubbio, quel muro era  immenso per non esserci la possibilità di  aprirvi qualcosa di nuovo”, spiega Federica. “Durante un giorno di trekking tranquillo attraverso la valle, il Nalumasortoq ci ha rivelato il suo lato nascosto: la parete Sud del pilastro centrale. E così è iniziato il nostro lavoro … “

Edoardo Saccaro e Federica Mingolla durante l’apertura sul Nalumasortoq. Foto arch. E.Saccaro/F. Mingolla. Fonte: instagram

“È così che è nata La Cura, una via di 525 metri che si sviluppa lungo la parete Sud del Nalu, una delle pareti che domina il Tasermiut, insieme a Ula e Ketil.”

Per la sua apertura, hanno impiegato otto giorni in parete, suddivisi in quattro tentativi “e innumerevoli ore dedicate a portare su e giù l’attrezzatura”. Hanno completato l’apertura della via scalando in libera fino al 7b+ e risolvendo parte delle lunghezze in artificiale. “Siamo saliti in cima il 16 agosto e già sentivamo  l’aria più fredda: il maltempo stava arrivando”, racconta Federica  in un articolo pubblicato su planetmountain.com. Il  piano era di riposare al campo base durante il maltempo, e poi tornare sulla via per cercare di liberarla completamente. Tuttavia, quando i due sono tornati in parete, hanno trovato  temperature invernali; le poche ore di sole  non erano sufficienti per riscaldare la roccia. Dopo due giorni in ​​cui non sono stati praticamente in grado di arrampicare a causa del freddo intenso, hanno deciso di abbandonare.

“La Cura rimane lì, non sappiamo se torneremo o no, la mia speranza è che questa via si scali in libera, non importa se lo facciamo noi o qualcun altro, ma deve essere scalata in libera perché è un dipinto  di fessure, archi e diedri super estetici. Quindi, scalatori delle big wall, la Groenlandia è una vera scoperta, un posto in cui ritornerò sicuramente. ”, conclude Federica.