MENU

22 gennaio 2019

Alpinismo e Spedizioni · Vertical · Resto del Mondo

Invernale al K2. Aggiornamenti dai team impegnati sull’8000 pakistano

Invernale al K2. Fonte immagine: Spedizione russo-kazako-kirghiso/facebook

Il team russo-kazako-kirghiso al completo, è al Campo Base

Le condizioni meteorologiche stanno rendendo difficile il lavoro delle spedizioni impegnate sul K2, che quest’anno si contenderanno la prima salita invernale della storia dell’ottomila pakistano (8.611 m).

La spedizione russo-kazako-kirghisa guidata da Vassily Pivtsov è arrivata al CB il 14 gennaio e il 19 gennaio ha montato il C1 a 5900 metri.

Ieri il team ha lavorato sopra i 6000 metri; malgrado i forti venti, le tende hanno resistito. L’equipe di Pivtsov ha posizionato le corde fisse fino a 6300 metri di quota, verso C2. Ora tutti i membri della spedizione sono scesi al Campo Base. Attesi per domani ulteriori aggiornamenti.

Team russo-kazako-kirghisa al CBA del K2. Fonte: Winter K2 Expedition 2019

Intanto il basco Alex Txikon, al CB del K2, costruisce igloo

Txikon è al Campo Base del K2 dal 16 gennaio. Il basco non ha ancora iniziato a lavorare sulla montagna, probabilmente in attesa dell’arrivo di una finestra di bel tempo previsto per i prossimi giorni.

Tuttavia ha approfittato per  costuire gli igloo annunciati. Saranno utilizzati al posto delle tende, per  riposare meglio e a temperature più elevate. Txikon lo aveva comunicato prima della partenza: al CB e almeno a C1, la sistemazione degli alpinisti (e degli scienziati  che avrebbero seguito la spedizione per scopi di ricerca), sarebbe stata in igloo.

Gli igloo costruiti da Txikon al CB del K2. Foto: Alex Txikon/facebook

 

Secondo Mountain-Forecast.com, il vento è in diminuzione e le ininterrotte deboli nevicate dovrebbero scomparire da domani. Da quel momento in poi, è prevista una settimana di tempo favorevole.

Aggiornamento: Waldemar Kowalewski al Campo Base del K2 il 21 gennaio

Waldemar Kowalewski avrebbe raggiunto il CB del K2 solo il 21 gennaio, secondo quanto riportato dal giornale polacco Wspinanie, che ieri ha rettificato la precedente notizia pubblicata il 19.