MENU

9 luglio 2019

Alpinismo e Spedizioni · Vertical · Resto del Mondo

Kazuya Hiraide e Kenro Nakajima aprono una nuova via sul Rakaposhi (7.788 m)

Rakaposhi 2019: Kazuya Hiraide e Kenro Nakajima. Fonte: Adventure Pakistan/facebook

La cordata giapponese vincitrice del Piolet d’Or 2018 per la salita del Shispare,  ha aperto una nuova via sul versante Sud del Rakaposhi (7.788 m) in stile alpino

Il Rakaposhi (7.788 m) è la 27a montagna più alta del mondo, con i suoi 212 metri sotto gli emblematici 8.000.  Attirò i primi esploratori, come Martin Conway, già nel 1892, anche se la prima salita non è arrivata fino al 1958, ad opera degli inglesi Mike Banks e Tom Patey. Da allora, è stata salita almento sei volte, attraverso tre percorsi: l’originale sperone Sud-Occidentale, la cresta Nord-Occidentale e lo sperone Settentrionale.

Fino a quando sono arrivati i giapponesi Kazuya Hiraide e Kenro Nakajima, che  lo scorso 2 luglio hanno salito la montagna conosciuta anche come Dumani ( “Madre della Nebbia”) attraverso un nuovo percorso sull’inviolata parete Meridionale. Al momento, non ci sono molte informazioni a riguardo; è noto solo che gli alpinisti giapponesi hanno effettuato l’ascensione in stile alpino.

Kazuya Hiraide e Kenro Nakajima sono tra le figure più importanti dell’attuale panorama alpinistico internazionale. L’anno scorso hanno ricevuto il Piolet d’Or per un’altro progetto  in Pakistan, la  salita della parete Nord-Orientale del Shispare (7.611 m).

Kazuya Hiraide aveva già ricevuto un  Piolet d’Or in precedenza, nel 2009, per la sua salita in stile alpino della  parete Sud-Ovest del Kamet (nell’Himalaya indiano), con Kei Taniguchi.

La storia del Rakaposhi

Rakaposhi, Pakistan. Foto: Ben Tuddy

Prima della  salita del 1958, la prima,  il Rakaposhi era stato tentato da almeno sei spedizioni e, dopo il vertice britannico, ci sono voluti altri due decenni di tentativi per realizzare la seconda salita. Durante quel periodo, Karl Maria Herrligkopfer,  tentò ostinatamente lo sperone settentrionale nel 1971 e nel 1973.

Tuttavia, la seconda salita fu compiuta nel 1979, a firma di una spedizione Polacco-Pakistana  che aprì la cresta Nord-Ovest, e che vide in vetta Ryszard Kowalewski, Sher Khan e Tadeusz Pioitrowski (il 1° luglio), Andrzej Bielun, Jacek Gronczeski e Jerzy Tillak (il 2 luglio) e Anna Czerwinska e Krystyna Palmowska (il 5 luglio).
Contemporaneamente, una spedizione giapponese lavorò intensamente sullo sperone Settentrionale. Eiho Ohtani e Matsushi Yamashita vincendo  la vetta il 2 agosto, dopo aver attrezzato la montagna con  circa 5.000 metri di corde fisse.

Nei 40 anni successivi, sono state registrate solo ripetizioni di queste tre linee, con qualche piccola variazione.