MENU

13 novembre 2017

Ambiente e Territorio · Alpi Centrali · Alpi Occidentali · Alpi Orientali · Appennini · Aree Montane

Meteo. Freddo e neve sull’Italia!

Fonte: meteo.it

E’ arrivato l’inverno!

Una perturbazione, accompagnata da aria fredda proveniente dal Nord Europa,  è arrivata sull’Italia, portando forti venti e un brusco abbassamento della temperatura. specie sull’arco alpino e sulla Sardegna. Da oggi la perturbazione interesserà tutta l’Italia determinando una fase di maltempo invernale, con precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere nevoso, fino a quote di collina al Centro-Nord, accompagnata da ulteriore rinforzo dei venti e sensibile diminuzione delle temperature.
Lo indica un’allerta meteo della Protezione civile che prevede venti forti sulla Lombardia, con raffiche fino a burrasca forte, sulla Sardegna.

Nevica con intensità variabile su tutta la montagna veneta con un forte vento che rende difficile stabilire lo spessore del nuovo manto. Secondo l’Arpav (Agenzia regionale per l’ambente del Vento) a Cortina d’Ampezzo sono caduti almeno 6 centimetri di neve con precipitazioni massime – che hanno riguardato quote fino a 600 metri – di 15 centimetri. Il calcolo comunque, rileva l’Arpav, è di stima perché il forte vento in alcuni punti ha portato il nuovo manto nevoso fino a 30 centimetri. Tra le nevicate di rilievo quelle registrate a Passo Falzarego dove sono stati registrati 35 centimetri di nuovo manto, i 31 di Asiago nel vicentino e i 27 sul monte Baldo nel veronese. Le minime sono tutte al ribasso, sulla montagna veneta, con Cortina d’Ampezzo che registra zero gradi, Arabba -2 e Sappada -1. Tutte sopra lo zero le altre minime con Belluno che si segnala con i suoi 5 gradi.

Si è limitata a portare sul Piemonte solo veloci precipitazioni, seguite dai venti di foehn con il ritorno del sereno, la perturbazione che in queste ore imperversa sull’Appennino centrale con nevicate anche a bassa quota. In picchiata le temperature, sotto lo zero anche in Piemonte. A Capanna Margherita, il rifugio più alto d’Europa sul Monte Rosa, il termometro è sceso a -28,9 gradi. Minime sotto lo zero su tutto l’arco alpino (-7 a Sestriere, -1 a Bardonecchia), mentre a Torino si sono fermate a 3,4 gradi, ma nei prossimi giorni le temperature scenderanno ancora, con gelate diffuse anche a bassa quota.
Secondo le previsioni dell’Agenzia regionale per l’ambiente, le raffiche di vento – in alcune vallate superiori ai cento chilometri orari – dovrebbero placarsi entro domani mattina.

In Alto Adige novembre in netta controtendenza rispetto agli anni passati: a duemila metri di quota attualmente ci sono già tra i 20 e i 50 cm di neve, un valore raggiunto lo scorso inverno solo ad inizio febbraio, informa il meteorologo della Provincia di Bolzano Dieter Peterlin. Mentre nel 2016 a metà novembre l’estate di San Martino fece registrare temperature record (con 23,6 gradi a Silandro), quest’anno le montagne si presentano già innevate. Dopo la prima ondata di neve una settimana fa, nelle scorse ore si sono aggiunti altri 19 centimetri a Casere in valle Aurina, 16 cm a Selva di val Gardena, 10 cm a Pennes ed 8 cm a San Candido. Alle precipitazioni è seguito il vento forte con raffiche di 80 km/h a Salorno a sud di Bolzano, fino ai 120 km/h a Punta di Dan (2.806 m).

L’arrivo del maltempo, preannunciato nelle scorse ore, si fa sentire, fra pioggia e neve, anche a quote basse. Intorno alle 10, la neve ha cominciato a cadere, a buon ritmo, anche a Bologna.
Pioggia mista a neve è stata registrata nel Faentino e nel Cesenate e in pianura nel Bolognese. Nevica sulle zone collinari e appenniniche della regione. Nevica sulla E45 e in alcuni tratti dell’Autostrada del Sole tra Bologna e Fiorenze. Vento forte sul Ferrarese e Ravennate. A Ravenna, per il vento che sta superando i 40 nodi, è stato sospeso il traghetto tra Marina di Ravenna e Porto Corsini.

(Fonte: Ansa, 13 novembre 2017)

Nelle prossime ore, maltempo al Centrosud

Per la giornata di martedì la Protezione Civile ha diramato un’ allerta meteo arancione su settori di Marche e Umbria per moderato rischio idrogeologico. Allerta arancione per vento sulla costa romagnola. L’intensa perturbazione continuerà a rimanere in prossimità della nostra penisola sotto forma di vortice di bassa pressione che lentamente si muoverà verso sud-est, allontanandosi definitivamente solo nel fine settimana. Al Nord, martedì il tempo sarà in miglioramento, salvo alcune piogge residue al mattino a ridosso dell’Appennino e in Romagna, con neve oltre i 700 metri. Approfondimento