MENU

2 dicembre 2019

Alpinismo e Spedizioni · Vertical · Resto del Mondo

Artico. Mike Horn e Borge Ousland a 150 km dalle Svalbard

Artico 2019. Fonte: Borge Ousland/facebook

I due esploratori continuano la loro corsa finale verso le Svalbard

“Borge e Mike hanno fatto molto bene negli ultimi giorni, superando le nostre aspettative…”, ha dichiarato Lars Ebbesen. “Hanno aumentato le loro ore sugli sci con qualche giorno di anticipo, per sfruttare le condizioni migliori”.

La nave Lance, che ha lasciato Tromso all’inizio di questa settimana, ha attraccato a Longyearbyen, nelle Svalbard, mentre l’equipaggio di veterani esploratori polari sta completando i  piani. “La nave è stata pianificata perché temavamo per la sicurezza della Pangea [nel ghiaccio polare]”, ha riferito Ebbeson. “Il piano è che  arrivi all’ 82° parallelo Nord … per un recupero in sicurezza.”

Se l’ice pack fosse impraticabile, Bengt Rotmo e Alekasander Gamme potrebbero dirigersi a Nord a piedi per fornire cibo ulteriore ai due esploratori.

Ousland e Horn il 29 novembre erano all’83° parallelo Nord; hanno percorso  circa 240 km in otto giorni  (30 km al giorno).

Traversata dell’Artico, 2019: Borge Ousland e Mike Horn. Fonte: Ousland/facebook

Da un post di Ousland, pubblicato ieri:
“Ci sono -30° C e le nostre dita sono doloranti e @MikeHornExplorer deve sottoporsi al suo secondo trattamento antibiotico a causa del congelamento del pollice che si è infettato e non guarisce. Cerco di aiutare il più possibile con i vari compiti. Ha anche rotto due denti masticando  pezzetti di cioccolato così buoni… Ma diventati duri come piccole pietre, al gelo….. Siamo una squadra determinata e lavoriamo bene insieme.”

Il 29 novembre Horn aveva riportato sui suoi canali social:
“Solo una settimana fa, non avremmo nemmeno immaginato di fare 30 km in un giorno. Il corpo riserva molte sorprese. Quando pensi di aver raggiunto i tuoi limiti, qualcosa dentro di te ti spinge oltre. “

Tuttavia, una grande perturbazione  sulle Svalbard ha causato vento contrario e una deriva a nord, che potrebbe ostacolare pericolosamente i loro progressi.

Horn: “Altri due giorni intensi sul ghiaccio. Le temperature stanno diminuendo di giorno in giorno e ora hanno raggiunto anche i -40° C. Un motivo in più per concludere questa spedizione e tornare a casa. La deriva ci ha rallentato, ma i venti da nord ci stanno ancora aiutando a progredire di un paio di chilometri al giorno, il che in questa fase è estremamente utile.

Artico 2019: Mike Horn. Fonte: Borge Ousland/facebook


In questo momento abbiamo due diverse opzioni per completare questa spedizione:

1. Scendere a sud il più rapidamente possibile con il cibo che ci resta, se vogliamo  essere prelevati in barca, come avevamo inizialmente previsto.
2. Se non facciamo progressi sufficienti, dovremo ricorrere ad un elicottero  … ma in questo momento, stiamo escludendo questa opzione per focalizzare completamente le nostre ultime energie sullo sprint finale …
Una cosa è certa, vogliamo lasciare l’Artico nel modo in cui siamo arrivati, cioè in barca. Ma dobbiamo anche tener conto dei rischi che questo sforzo comporta … a causa delle basse temperature, passiamo molto tempo a controllare le condizioni dei nostri congelamenti. Non appena pensiamo di perdere la sensazione nelle estremità, ci fermiamo, sistemiamo la tenda e ci riscaldiamo fino a quando non siamo pronti per uscire di nuovo.
Attualmente la nostra posizione è 83° deg41 ’, il che significa che dobbiamo ancora percorrere oltre 150 km… Ancora una settimana di spedizione … Augurateci buona fortuna! ”