MENU

29 maggio 2019

Alpinismo e Spedizioni · Vertical · Resto del Mondo

Nirmal “Nims” Purja si prepara alla seconda fase del suo “Project Possible”

Nirmal Purja in vetta al Dhaulagiri. Fonte: THT

L’ex Gurka del Regno Unito, Nirmal ‘Nims’ Purja, ha concluso la prima fase del suo “Project Possible”, scalando sei Ottomila in 31 giorni in questa stagione primaverile. Il suo obiettivo prevede la scalata delle 14 montagne più alte del pianeta in soli sette mesi

Nirmal “Nims” Purja ha scalato l’Annapurna (8.091 m) il 23 aprile e il Dhaulagiri (8.167 m) il 12 maggio. E’ riuscito a vincere il Kanchenjunga (8.586 m) il 15 maggio, l’Everest (8.848 m) e il Lhotse (8.516 m) m) il 22 maggio e il Makalu (8.485 m) il 24 maggio.

Ora si sta preparando per la seconda parte del suo “Project Possible”: scalare il K2 (8.611 m), il Nanga Parbat (8,1260 m), il Broad Peak (8.047 m), il Gasherbrum I (8.080 m) e il Gasherbrum II (8.034 m). Questa seconda parte dovrebbe essere completata entro il 1° agosto.
Nella terza fase, che avrà inizio a settembre, Nirmal si dedicherà ai restanti tre Ottomila, tentando di scalarli entro il 1° novembre 2019.

“Quando ho annunciato il mio progetto, nessuno mi credeva. Ma ora sono stato in grado di dimostrare ciò che un uomo può fare se è disposto a farlo”, ha dichiarato Purja, durante un incontro con la stampa organizzato ieri a Kathmandu. Ha inoltre espresso la sua convinzione che il suo successo ha cambiato la percezione del potenziale umano oltre a far luce sulle capacità degli alpinisti nepalesi.

L’obiettivo principale di Purja con il “Project Possible” è quello di raccogliere fondi per le organizzazioni militari britanniche e di beneficenza nepalesi che aiutano veterani feriti e bambini bisognosi in Nepal.

Attraverso il suo progetto, Purja vuole anche sensibilizzare le persone di tutte le età agli effetti del cambiamento climatico  sull’umanità.

L’alpinista, ha inoltre aggiunto: “Il mio progetto aiuterà la campagna Visit Nepal Year a promuovere il nostro turismo alpinistico”.

Purja è stato il primo Gurkha dell’eserica scalare l’Everest. Ha trascorso 16 anni nell’esercito britannico, 10 dei quali nelle forze speciali del Regno Unito. Ha lasciato il servizio militare nel 2019 per concentrarsi sul suo progetto.