MENU

24 giugno 2020

Alpinismo e Spedizioni · Freestyle e Freeride · Ski · Vertical · Resto del Mondo

Ray Warburton muore sul Mt. Humphreys

Ray Warburton. Foto: Lesley Allen. F

Era alpinista da lunga data, sciatore e avventuriero

Il 9 giugno scorso, Ray Warburton, originario di Bishop, in California, ha perso la vita mentre scendeva dal couloir Nord sul Mt. Humphreys, una delle vette più importanti della Sierra Nevada.

Ray aveva scalato quella montagna più volte, da diverse vie. Questa volta doveva salire il couloir Nord, scendere la East Arete. Non vedendolo rientrare, gli amici hanno dato l’allarme.
Il corpo è stato ritrovato alla base del couloir Nord il 10 giugno.

Si ipotizza sia caduto il giorno prima durante la discesa. Ray, 59 anni, potrebbe essere stato colpito dalla caduta di alcune rocce. Pare infatti che un movimento franoso sia stato avvertito da alcuni scalatori sulla vicina cresta Est.
Ray lascia la moglie Lesley Allen e i due figli, Augie e Lacy, di 9 e 8 anni.

Ray ha condotto una vita eccezionalmente avventurosa e i suoi racconti sono diventati leggendari. Ha attraversato a piedi l’Africa, ha navigato attraverso l’Oceano Atlantico, si è arrampicato ampiamente in Sud America ed era un esperto di arrampicata e sci sulle montagne del Wind River, Wyoming, dove ha lavorato per il servizio forestale negli anni ’80. Ray era un geometra di professione e visse a Jackson Hole per gran parte degli anni ’80 e ’90, prima di trasferirsi nella Sierra orientale nel 2001 con sua moglie Lesley.

Fonte e approfondimento