MENU

8 luglio 2020

Climbing · Vertical · Europa

Simon Lorenzi realizza la prima salita di “Coup d’État”, (9a) in Belgio

Simon Lorenzi su “Coup d’État”, 9a, Belgio. Foto: John Janssens. Fonte: Instagram S. Lorenzi

Potrebbe essere la via più difficile del Belgio

Simon Lorenzi ha effettuato la prima salita di “Coup d’État”, da lui valutata 9a. Lorenzi, 23 anni, ha dichiarato: “Non sono sicuro del grado ma so che è la via più difficile del Belgio e una delle più belle e uniche nel suo stile”.

Curiosamente, solo un mese fa Anak Verhoeven realizzava la  prima salita di “Kraftio”, sempre in Belgio, assegnando alla via il grado 8c+/9a, in quel momento la via più dura del piccolo paese europeo. Simon, che nei giorni scorsi l’ha ripetuta, l’ha ridimensionata a 8c+.

“Coup d’État” è stata chiodata da Micha Vanhoudt nel 2016 e durante questi quattro anni pochi climber si sono  interessati a questa linea, caratterizzata da piccole fessure.

Quando Simon l’ha  tentata per la prima volta, due anni fa, è riuscito a risolvere rapidamente tutti i singoli movimenti; era convinto di chiudere l’intera linea velocemente e che la difficoltà non fosse oltre l’8c. Ma quando sono iniziati  i tentativi seri di rotpunkt, si è reso conto che le cose stavano diversamente e che avrebbe impiegato più tempo del previsto.

Le restrizioni legate al lockdown, hanno limitato il raggio d’azione dei climber più forti, costringendoli su pareti di roccia più vicine alle loro case. Pertanto, i nuovi progetti e  le prime difficili salite sono state effettuate in zone insolite. Kraftio o Coup d’État, in Belgio, ne sono due esempi emblematici.

Dopo il lockdown, Simon ha iniziato a dedicare sessioni di lavoro a Coup d’État. Quando pensava di averla ormai in pugno, cadeva nell’ultima sessione, fino al superamento dell’ultimo movimento chiave.

Così Simon Lorenzi ha potuto firmare la prima salita di “Coup d’État” (9a), che se confermata nel grado si aggiudicherebbe il titolo di via di arrampicata più difficile del Belgio. Approfittando della buona forma, pochi giorni dopo, il climber ha anche realizzato, sempre in Belgio, la prima salita  di “Insolence” (8c+) e della già citata “Kraftio”. (Fonte)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

One of the best day of climbing in my life! Yesterday i started the day with the 2nd ascent of “la traction universelle”(opened 26 years ago by my father). Then i moved to “Kraftio” where i reached the top at the second try of the day after a heart breaking fall one meter under the top because of a breaking foot hold. “Kraftio” has been opened by @anak.verhoeven few weeks ago as an 8c+/9a but it’s more 8c+ to my opinion. Anyway, it’s a beautiful route eventhough some of the holds are really sharp (4th picture). “La traction universelle” is the first 8c in Belgium opened by my father 26 years ago. When i was a kid it was one of my dream to make the second ascent after my dad. Slowly my dream somehow became his dream too. Yesterday he was my belayer for both of the route that i sent. Just an unforgetable moment! Thanks @jean_marc_1169 and @francoiskivik for the pictures and filming 📸 @adeps_officiel @scarpa_de @petzl_official @weareelements.eu @patagonia @revolutionclimbingteam

Un post condiviso da Simon Lorenzi (@simonlorenzi) in data: