MENU

4 novembre 2019

Climbing · Vertical · Resto del Mondo · Parchi del mondo

Tommy Caldwell e Alex Honnold aprono la loro nuova via su El Capitan

El Cap: Tommy Caldwell (in primo piano) e Alex Honnold al lavoro sulla variante della New Dawn. Foto: Austin Siadak. Fonte: A. Honnold/instagram

Definita  “la versione light della Dawn Wall”, la linea è la continuazione di un vecchio progetto di Leo Houlding. Anche Kevin Jorgeson ha partecipato all’apertura della nuova via sebbene non abbia preso parte al tentativo finale

Tommy Caldwell e Alex Honnold hanno completato il loro nuovo progetto su El Capitan, a cui hanno lavorato  insieme a Kevin Jorgeson.

I tre non hanno divulgato molte informazioni durante la loro progressione in parete. Si sapeva che Jorgeson stava tentando di aprire su El Cap una via più semplice rispetto alla Dawn Wall. Attraverso  Pete Zabrok, che li aveva incrociati in parete, si era capito che la loro idea era quella di aprire una variante della New Dawn e che la massima difficoltà dovesse aggirarsi intorno all’8b anziché al 9a della storica Dawn Wall.

La notizia del successo del progetto è stata resa nota ieri, domenica 3 novembre, da Tommy Caldwell attraverso i suoi canali social. Ulteriori dettagli sull’impresa saranno resi pubblici nei prossimi giorni.

El Capitan: Tommy Caldwell e Alex Honnold aprono una nuova via vicina alla Dawn Wall (Yosemite). Foto: Austin Siadak. Fonte: T. Caldwell/Instagram

 

Dal post di Caldwell:

“In questa stagione siamo stati un po’ vaghi, per evitare spettacolarizzazioni. Ma io e Alex Honnold, con Austin Siadak [fotografo] e Kevin Jorgeson, qualche giorno fa abbiamo chiuso in libera una nuova via su El Capitan. Principalmente, la linea segue la New Dawn con altri tratti di  arrampicata più spettacolare”, scrive Caldwelli sul suo instagram.

“È una continuazione della via che Leo Houlding ha scalato in libera, a metà della parete, 18 anni fa, chiamata “Passage to Freedom“. Quella via, all’avanguardia per quei tempi, e un’opera d’arte in sé…  Leo ha anche collocato il  badge di un’Alfa Romeo sulla parete, che ha usato come maniglia per attraversare una sezione che pensava fosse impossibile superare senza  (ci abbiamo trovato una via attorno). Dopo alcune settimane di lavoro, senza aver provato troppe sezioni della via, io e Alex abbiamo fatto una specie di  tentativo disperato. Miracolosamente, ce l’abbiamo fatta! Alcuni problemi personali hanno tenuto lontano Kevin per troppo tempo dalla via per essere pronto per il tentativo. Mi serebbe piaciuto fosse stato con noi.”