MENU

4 dicembre 2018

Altri · Bike · Ediciclo · Narrativa

Paolo Pileri, Alessandro Giacomel, Diana Giudici, Camilla Mu (a cura: Politecnico di Milano)

Ciclabili e cammini per narrare i territori

Arte design e bellezza dilatano il progetto di infrastrutture leggere

Il racconto del territorio attraverso arte e design. Un libro per ripensare le linee di mobilità attiva, cammini e ciclabili, come progetti di territorio e non solo come progetti infrastrutturali

E se le ciclabili parlassero, cosa ci direbbero?

“Ciclabili e cammini per narrare i territori” (ed. Ediciclo), si propone di dare voce a quei fili sottili e leggeri che sono i cammini e le ciclabili con le quali possiamo scoprire territori bellissimi e ricchi di arte, storia, gusto, mestieri e tradizioni.

A ben pensarci infatti ciclabili e cammini sono strisce sulle quali si possono scrivere, disegnare e persino ricamare parole, immagini e simboli che raccontano i luoghi attraversati. Bisogna usare fantasia, arte e design per trasformare quelle lingue di asfalto in uno spettacolare biglietto da visita per quei paesaggi. Il progetto tecnico delle lunghe ciclabili, come Vento, può diventare qualcosa di più di quel che è oggi, ma perché questo accada occorre dilatare la sfida tecnica con un vero e proprio progetto di narrazione territoriale, ben diverso da uno storytelling commerciale. Qui si tratta di un progetto culturale con l’ambizione di rigenerare territori fragili attraverso un altro modo di fare turismo lento.

Nel libro, a cura del Politecnico di Milano, alcune suggestioni catturate qua e là nel mondo, da reinterpretare e a cui ispirarsi per sperimentare nuovi linguaggi capaci di rendere parlanti ciclabili e cammini.

Gli Autori

Paolo Pileri / Professore ordinario di progettazione e pianificazione urbanistica al Politecnico di Milano. Si occupa da sempre di temi ambientali. In particolare di uso e consumo di suolo e relativi effetti ambientali e di ideazione e pianificazione di infrastrutture leggere per la mobilità lenta, a piedi e in bicicletta. Ideatore del progetto VENTO, ne è il responsabile scientifico. Autore di oltre 250 pubblicazioni, tiene la rubrica ‘Piano Terra’ sulla rivista Altreconomia. Tra i suoi ultimi libri “100 parole per salvare il suolo. Piccolo dizionario urbanistico-italiano” (Altreconomia, 2018) e “VENTO. La rivoluzione leggera a colpi di pedale e paesaggio”, con A. Giacomel e D. Giudici (Corraini, 2015).

Diana Giudici / Urbanista, si laurea al Politecnico di Milano nel 2009. Dopo la laurea svolge attività di ricerca presso il dipartimento di Architettura e Studi Urbani del Politecnico di Milano occupandosi di consumo di suolo, effetti ambientali dovuti all’urbanizzazione, spazi aperti e infrastrutture ciclabili. Lavora da sempre sul progetto VENTO occupandosi di aspetti urbanistici e coordinando il progetto di comunicazione che si accompagna al progetto infrastrutturale.

Alessandro Giacomel / Architetto, si laurea all’Università IUAV di Venezia e successivamente si trasferisce a Milano dove collabora prima con importanti studi di progettazione e successivamente intraprende l’attività di ricerca presso il Politecnico di Milano sul tema della progettazione di infrastrutture leggere e del loro rapporto con il paesaggio. Attualmente è il responsabile della progettazione tecnica delle attività di ricerca del gruppo VENTO, tra cui lo studio di fattibilità della ciclovia VENTO. La passione per la fotografia lo porta a frequentare la scuola BAUER di Milano con l’obiettivo di avvalersi anche di questo strumento per lo studio e l’analisi del paesaggio.

Camilla Munno / Pianificatore ambientale, territoriale e urbanistico, laureatasi al Politecnico di Torino, lavora a VENTO da alcuni anni occupandosi della comunicazione web e social e del racconto visuale del progetto. L’inclinazione artistica e la passione per l’arte pubblica l’hanno portata a prendere parte alla mostra di Yona Friedman. Mobile Architecture, People’s Architecture nella sezione Street Museum al MAXXI di Roma nel 2017 e alla collettiva HERE 2018 alla Cavallerizza Reale di Torino.

Rossella Moscarelli / Architetto, si laurea al Politecnico di Milano con la specializzazione in Progettazione Tecnologica Ambientale. Sta svolgendo un dottorato in Urban Planning, Design and Policies al Politecnico di Milano, lavorando a una ricerca sulle aree interne italiane e la loro rigenerazione a partire da progetti territoriali di linee leggere come VENTO.

Federica Bianchi / Laureata in Architettura al Politecnico di Milano, con una specializzazione in Progetto e tutela per il patrimonio costruito. Dal 2017 lavora nel gruppo di ricerca, occupandosi in parte di VENTO e in parte di un progetto di rigenerazione delle aree urbane prospicienti le scuole.


Ciclabili e cammini per narrare i territori

Autore: Paolo Pileri, Alessandro Giacomel, Diana Giudici, Camilla Mu (a cura: Politecnico di Milano)

ID, 'editori', array("fields" => "names", "term_id")); if(!empty($term_list)){echo 'Editore: '; print_r($term_list[0]); echo '';}; ?> - Portogruaro (VE) - 2018

Pagine: 192

Prezzo di copertina: € 22


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: