MENU

15 luglio 2020

Ambiente e Territorio · Cultura · Appennini · Aree Montane · Ediciclo · Guide e Manuali

AAVV

Ussita – Monti Sibillini

Deviazioni inedite raccontate dagli abitanti

Un’opera scritta e narrata da una comunità, alla scoperta di percorsi e identità del luogo, con il contributo artistico di sguardi esterni. Una guida atipica e corale dedicata ai Monti Sibillini, per una nuova idea di turismo

La guida “Ussita, Monti Sibillini”, curata da Sineglossa, propone al viaggiatore due itinerari narrativi progettati con la supervisione dell’associazione C.A.S.A. – Cosa Accade Se Abitiamo.

Il primo, Vivere Qui, raccoglie i racconti degli abitanti su 8 percorsi e coinvolge il viaggiatore nella vita della comunità ussitana, guidandolo in un’esplorazione urbano/naturalistica dei luoghi che caratterizzano la nuova quotidianità post-sisma e la storia del territorio. Il secondo, Dalla valle alle vette, diviso in 4 parti, è un’ascesa dal fondovalle al Monte Bove, appartenente alla zona settentrionale della catena dei Sibillini e simbolo del territorio, un’esperienza spirituale narrata dallo scrittore Alessandro Chiappanuvoli in cui l’immaginazione del viaggiatore è l’elemento imprescindibile per dare corpo alle suggestioni narrate. Alcuni dei punti di interesse toccati dai percorsi si sovrappongono, lasciando al viaggiatore la possibilità di integrare i contenuti.

«La gente di un posto mica si orienta con le mappe. Si orienta con le storie» scrive lo scrittore WuMing2 nel suo racconto fantastico realizzato per la sezione Visioni dopo un periodo di residenza ad Ussita e un incontro con gli abitanti, in particolare con i bambini. Tra gli ospiti che hanno contribuito ad arricchire il materiale realizzato dalla redazione di comunità anche lo storico dell’Appennino Augusto Ciuffetti, i fotografi Antonio Di Cecco e Mauro Pennacchietti, l’artista designer Giacomo Giovannetti, l’autrice radiofonica Sara Sartori e la set-designer Paola Villani.

L’incontro con la comunità e gli ospiti sarà possibile anche in sette passeggiate nonturismo, aperte a tutti e organizzate dal 24 luglio al 7 settembre ad Ussita per esplorare i primi sette percorsi della guida, lungo i quali sarà possibile fruire anche delle installazioni temporanee e interattive degli artisti Villani e Giovannetti. Per informazioni

La guida nonturistica di Ussita è proprio una mappa di storie, che prende vita da un percorso partecipato con la comunità durato più di due anni. E come tutte le mappe non è un punto di arrivo ma un inizio per esplorare e interpretare un territorio dove sono ancora evidenti le ferite del sisma. La redazione di comunità non ha voluto nascondere i terremoti, ma li ha accolti come uno degli elementi identitari che rendono il territorio unico. Questo percorso ha unito gli abitanti di Ussita stanziali e rimasti dopo il sisma insieme a quelli delle cosiddette “seconde case”.

Il percorso avviato da Sineglossa è stato possibile grazie a una realtà di riferimento del territorio, l’associazione C.A.S.A., il porto di montagna di Ussita con sede nella frazione di Frontignano, grazie alla quale si è attivato il coinvolgimento della comunità, con un lavoro di ricostruzione dei rapporti di fiducia tra le persone, ma anche tra le persone e quei luoghi improvvisamente trasformati. I partecipanti hanno così portato avanti, anche tramite il dialogo con gli artisti, scrittori e studiosi coinvolti nel progetto, una riflessione collettiva per poter restituire all’esterno la propria identità messa alla prova, in ultimo, anche dal terremoto.

La guida “Ussita, Monti Sibillini”, secondo volume della collana NONTURISMO,  è  pubblicata da Ediciclo. In edicola da domani 16 luglio.


Ussita – Monti Sibillini

Autore: AAVV

Editore: Ediciclo - Portogruaro (VE) - 2020

Pagine: 160

Prezzo di copertina: € 16


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: