MENU

8 maggio 2019

Alpinismo e Spedizioni · Vertical · Ambiente e Territorio · Cultura · Insight · Video Talk · Trento Film festival 2019 · Alpi Orientali · Aree Montane · Italia · Trentino Alto Adige

Matteo Della Bordella: montagna-terapia e alpinismo by fair means. La testimonianza del presidente dei “Ragni”

Intervista di Andrea Bianchi
Riprese video e montaggio: Andrea Monticelli

In un convegno, organizzato dalla Commissione Medica del CAI nell’ambito del 67° Trento Film Festival, si è parlato di Montagna-Terapia, un’occasione per valutare i progressi ottenuti in questi due anni, armonizzare e coordinare le tante iniziative spontanee nate in ogni parte d’Italia e parlare  delle future prospettive di un trattamento terapeutico di enormi potenzialità.

Tra gli ospiti, Matteo Della Bordella, intervenuto in duplice veste, quella di alpinista e di presidente dei Ragni della Grignetta. Il gruppo alpinistico lecchese, attualmente sostiene un’iniziativa per giovani ipovedenti, dai 6 ai 17 anni, che vogliono avvicinarsi al mondo dell’arrampicata.

“Seppur gli alpinisti nella loro attività siano di fatto delle persone egoiste, quando si tratta di muoversi verso queste tematiche e di tendere una mano verso gli altri,  sono uniti… il mondo alpinistico è pronto a recepire e a dare il proprio supporto a queste iniziative”, conferma  Della Bordella nell’intervista rilasciata a Mountainblog durante la rassegna trentina.

Da gennaio 2019, Matteo è entrato nella famiglia degli Ambassador Karpos,  con cui condivide la medesima filosofia, orientata verso un alpinismo pulito ed esplorativo, dove, al di là degli obiettivi  “è importante la componente umana e di sfida ad armi pari con la montagna che stai scalando”, spiega lo scalatore lombardo.

“Avere a che fare con Manrico Dell’Agnola o Maurizio Giordani, che per me è stato un grande dell’alpinismo e lo è ancora, sono stati dei fattori che comunque hanno dato il più a quest’azienda, rispetto ad altre”, precisa Della Bordella, Vanno di pari passo con la filosofia Karpos anche i progetti di Della Bordella, sempre alla ricerca di obiettivi nuovi “dove la parte alpinistica è centrale, però la dimensionde della sfida ti permette di confrontarti con il territorio e con la natura…”

Matteo Della Bordella. Fonte: facebook

 

Simonetta Quirtano

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: