MENU

6 maggio 2019

Alpinismo e Spedizioni · Vertical · Ambiente e Territorio · Cultura · Video Talk · Trento Film festival 2019 · Alpi Orientali · Aree Montane · Italia · Trentino Alto Adige

Mauro Leveghi: “Trento Film Festival: un festival plurale”

Intervista di Andrea Bianchi
Riprese video e montaggio: Andrea Monticelli

La 67ma edizione del Trento Film Festival, si è svolta dal 27 aprile al 5 maggio. Quest’anno, gli assi portanti su cui ha ruotato la rassegna sono stati i cambiamenti climatici, l’ecologia, il cammino lento, l’alpinismo e il paese ospite: il Marocco.

Oltre 144 appuntamenti tra serate-evento, mostre e incontri con gli autori, attività all’aria aperta e 127 proiezioni di film, di cui 27 (15 lungometraggi e 12 cortometraggi) provenienti da 18 paesi diversi in concorso alle Genziane d’Oro e d’Argento.

“Il festival, nella sua evoluzione, ha aperto orizzonti su tutte le tematiche che riguardano la montagna e le terre alte quindi è diventato un festival plurale per un pubblico plurale, che ha gusti, interessi e passione diverse”, ha spiegato il suo presidente, Mauro Leveghi,  ad Andrea Bianchi che lo ha intervistato.

“Io amo chiamare il festival una sorta di rifugio permanente del libero pensiero per costruire il futuro della montagna –  continua Leveghi – una montagna abitata e non abbandonata”.

Sono circa 300 le persone che ogni anno contribuiscono alla realizzazione del festival, un lavoro complesso, che dura tutto l’anno.

 

Simonetta Quirtano

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: