MENU

30 luglio 2012

Agenda · Alpi Occidentali · alpinismo agenda · Alpinismo e Spedizioni · Ambiente e Territorio · Mountain Refuge · mountain refuge agenda · Notizie / Eventi · Rifugi · territorio agenda · Alpinismo e Spedizioni · ecocompatibilità · experience · Francia · Monte Bianco · Nuovo Rifugio Gouter · progetti ecosolidali · Rifugi · tecnologia · Alpinismo e Spedizioni · Vertical · Ambiente e Territorio · Alpi Occidentali · Aree Montane · Rifugi

APRE IL 30 AGOSTO IL NUOVO RIFUGIO GOUTER Un grande uovo sul Monte Bianco

Dopo due anni di lavoro in quota, la costruzione del nuovo Rifugio Goûter sta volgendo al termine e a giorni il team di gestione del progetto consegnerà  le chiavi dell’edificio al suo proprietario, la Fédération Française des Clubs Alpins et de Montagne (FFCAM).
Questo non significa che la struttura sarà subito pronta ad accogliere alpinisti e visitatori; entro agosto, infatti,  dovranno svolgersi ancora alcune operazioni test sulla sicurezza, in attesa delle autorizzazioni delle autorità.

Tuttavia, il calendario di apertura è già definito:  il rifugio, unico nel suo genere, aprirà  ufficialmente  il 30 Agosto 2012.

Per quanto riguarda le cerimonie di inaugurazione, sono previste per il  7 e l’8 settembre 2012, sia al rifugio che in valle presso il villaggio di St Gervais, che si sta preparando a celebrare questo importante l’evento.
La sfida umana e tecnica, del progetto di ristrutturazione,  guidato dalla FFCAM –  proprietario della struttura, è  iniziata nell’estate del 2010 con l’obiettivo di creare un edificio tecnologicamente innovativo ed ecosolidale.

La storia del Rifugio è strettamente legata alla storia dell’alpinismo.
Ultimo rifugio prima della vetta del Monte Bianco, si trova a 3 835 m, sulla rotta più frequentata dagli scalatori di tutto il mondo: la leggendaria “via normale”.

Il primo “rifugio” – fu costruito nel 1906 ed era dotato di 7 posti. La struttura attuale, fu realizzate nel 1962 dal Club Alpino Francese; ormai obsoleta e lontana dagli standard ambientali è collocata a 200 metri dalla nuova struttura e lascerà il posto al nuovo edificio innovativo ed ecologico, con una capienza di 120 persone.

Un progetto eccezionale, una sfida architettonica e umana.

L’architettura del nuovo rifugio è ovoidale, ed è stata progettata per sostenere  vincoli tecnici ed estetici in un ambiente difficile in cui i venti possono raggiungere i 300 km / h.

La sfida architettonica e tecnica, è stata  quella di costruire un edificio con una struttura in legno, su 4 piani, con un esterno in acciaio inossidabile mediante l’utilizzo  di tecnologie innovative, che consentissero comunque di non perdere di vista la prima funzione della costruzione. E’ stata anche una sfida umana per tutti gli operatori che hanno lavorato a 3 835 m slm.

Fonte e approfondimenti: www.refugedugouter.fr

Tags: , , , , , , , ,