MENU

21 gennaio 2008

Insight · Interviste · Notizie CAI

IL CAI OLTRE I 305.000 SOCI! La notizia in un’audiointervista a Salsa

Cominciamo il nuovo anno con una notizia importante per il CAI, annunciata in anteprima dal Presidente Generale Annibale Salsa a margine del convegno “Alpinismo: gioco competizione conoscenza” organizzato a Trieste dalla sezione XXX ottobre e dal GISM sabato 19 gennaio: il CAI ha superato nel 2007 la soglia dei 305.000 iscritti.

Audiointervista ad Annibale Salsa > [audio:http://www.mountainblog.it/audio/Salsa190108.mp3]

  • Sono pienamente convinto di quanto ci dice il nostro Presidente Salsa. bisognalavorare molto di più sui giovani perchè sono il domani del CAI. Io purtroppo posso far poco visto gli anni che mi mi ritrovo, ma vorrei dirvi che lavorando con i giovani avrete tantissime soddisfazioni che vi sentirete ripagati dai sacrifici di tempo che togliamo ai nostri bisogni Un cordiale BUON LAVORO a tutti dallo stravecchio Remo Romei

  • Piero Carlesi

    Mi associo a quanto scrive con grande lucidità, forte della preziosa esperienza maturata sul campo associativo, l’amico Remo Romei. Dopo un po’ di anni di stanca i soci del CAI stanno tornando a crescere. Ricordo che più d’una decina d’anni fa quand’ero ai vertici del Sodalizio avevamo raggiunto quota 316mila soci. Erano i tempi del Camminaitalia, manifestazione che era riuscita a far compiere un abbraccio ideale da Nord a Sud. Producendo nuovi soci, contatti ed entusiasmi con effetto a catena.
    I tempi sono cambiati, la crisi dell’associazionismo e quella più generale dell’Italia hanno contribuito alla flessione.
    Giustissimo sottolineare che ora bisogna puntare sui giovani, il nostro futuro. Soprattutto nelle scuole.
    Il Sodalizio sta invecchiando, ma abbiamo gli strumenti – e questo è uno dei tanti – per confermare l’inversione di tendenza.
    Occorre una nuova stagione di iniziative forti che possa dare una significativa spinta propulsiva all’Associazione. L’attuale Presidenza ha le carte in regola per centrare l’obiettivo e i Gruppi regionali e le Sezioni sono certo che faranno la loro parte.
    Buon lavoro

  • Caro Piero, ti ringrazio per il complimento ma il mio merito, se vi è, è solo l’esperienza che mi sono fatto nel lavorare nel CAI da moltissimi anni. Un cordiale saluto. Remo Romei
    “l’ANEAG stravecchio”