MENU

30 dicembre 2014

Alpinismo e Spedizioni · Ice climbing · in evidenza · Lowa · action · Alpinismo e Spedizioni · Bevera di Sirtori · DF Sport Specialist · Gruppo Gamma · Ice climbing · Ines Papert · Lowa · serate alpinistiche · UOEI Lecco · Alpinismo e Spedizioni · Ice Climbing · Vertical

INES PAPERT. "A tu per tu con i grandi dello sport". Bevera di Sirtori (LC), 26 febbraio 2015

Ines Paper, first ascent Likhu Chuli. Foto: Ines Papert, fonte: www.inespapert.de

Ines Paper, first ascent Likhu Chuli. Foto: Ines Papert, fonte: www.inespapert.de

INES PAPERT APRE LA STAGIONE 2015 DELLA RASSEGNA “A TU PER TU CON I GRANDI DELLO SPORT” A BEVERA DI SIRTORI

Si aprirà giovedì 26 febbraio con Ines Papert, ambassador LOWA la nuova stagione delle serate con i campioni dello sport promosse da df Sport Specialist a Bevera di Sirtori (LC).

Tocca ad una alpinista della Baviera il privilegio di dare l’avvio, ad inizio del nuovo anno, alle affermate serate “A tu per tu con i grandi dello Sport”. Con lei il 2015 si presenta davvero in forma grandiosa nell’accoglienza di nuovi interessanti personaggi, grazie ad una donna che già aveva suscitato emozioni ed entusiasmo a Lecco, quando nel 2008 era stata ospite in una delle famose serate di Gamma e U.O.E.I. Allora Ines Papert era stata descritta con delle righe che, nella loro concisa brevità, racchiudevano la sua intera identità: “Pluricampionessa mondiale sulle fragili formazioni di ghiaccio, funambola spericolata sulle lunghe vie alpine di roccia, ma più ancora donna e madre che interpreta e si apre all’avventura e all’amicizia con sensibilità tipicamente femminile, la giovane alpinista tedesca presenta l’aspetto inedito ed audace di un alpinismo che affascina a prima vista”.

600px-ines-papert-nepal-foto-thomas-senf-visualimpact_ch-2

Una presentazione evidentemente lusinghiera, ma che comunque nessuno trovò allora eccessiva dopo averne seguito il racconto a commento delle immagini che illustravano le sue incredibili imprese. Nello scorrere di altri sette anni della sua storia personale, ci stupiremo nel trovare quanto Ines Papert si sia ulteriormente accreditata di impensabili valori aggiunti alla sua carriera, dovuti ad un’iniziativa di ricerca e di diversificazione della sua attività alpinistica. Sarà interessante, anche per coloro che l’hanno incontrata sette anni fa’, constatare quali progressi e quali nuovi indirizzi hanno contribuito ad incrementare la grandezza di questa alpinista, che già parecchio tempo addietro si riteneva avesse raggiunto il massimo dei livelli.

L’incontro di Ines Papert (nata il 5 aprile 1974) con l’arrampicata era avvenuto nel 1994, quando ormai ventenne aveva attraversato esperienze culturali, con la passione per la musica nel canto corale, il pianoforte e il sassofono, quelle professionali come fisioterapista, e quelle sportive nelle gare di atletica leggera. Forse proprio da queste prende origine il suo interesse per l’alpinismo, in quanto nell’arrampicata, che subito l’affascina, trova la continuità delle competizioni, che qui tanto le si addicono da emergere di prepotenza nelle gare di arrampicata su ghiaccio, fino a vincere in breve tempo tutto quello che si poteva: i campionati mondiali nel 2002, nel 2004, nel 2005 e la classifica finale della coppa mondiale nel 2003 e nel 2006. Ma intanto la passione per la montagna, che contemporaneamente l’ha coinvolta e inebriata, portandola ai vertici mondiali in una virtuale classifica al femminile, la induce ad abbandonare le competizioni per dedicarsi in forma esclusiva all’alpinismo, dove accumula exploit di tale portata da farla ritenere oggi la donna più forte come alpinista sia su ghiaccio che su roccia.

Ines Papert in Nepal. Foto: Thomas Senf, visualimpact.ch

Ines Papert in Nepal. Foto: Thomas Senf, visualimpact.ch

Se, per dire, nel 2003 ha superato la via “Symphonie de Libertè” (8a, prima salita rotpunkt in un solo giorno) sulla parete Nord dell’Eiger, nel 2013 compie la prima ascensione, e di seguito la prima ascensione in libera, con la via “Schwarze Madonna” nella parete Sudovest dell’Untersberg sul Berchtesgadener Hochthron, una linea di sei tiri fino all’8a+. Ancora nel 2013 è prima in assoluto a metter piede sulla cima di 6.719 m di Likhu Chuli I, in Nepal.

Via via si accende però in lei l’irresistibile curiosità di scoprire e conquistare, negli angoli più sperduti del mondo, nuove pareti dove aprire tante vie affascinanti: quelle appunto che ci presenterà con immagini bellissime e spettacolari nella sua serata presso df Sport Specialist a Bevera di Sirtori, dove ci attenderà alle ore 20 di giovedì 26 febbraio 2015.

Dopo averla vista in azione sulle montagne della Norvegia (nello stile tradizionale o “clean” climbing, cioè senza protezioni fisse), del Kyrghizistan e del Nepal, del Baffin Island, e del Marocco, e sapendo che Ines Papert è sempre in movimento con tanti sogni e progetti, non potremo augurarci altro che di poterla incontrare ancora, magari presto (Renato Frigerio).

Ricordiamo che per le sue imprese, Ines Papert utilizza calzature tecniche LOWA

Ines Papert. Fonte immagine: www.lowa.de

Ines Papert. Fonte immagine: www.lowa.de

Tags: , , , , , , , , ,