MENU

25 novembre 2010

Climbing · action · incidenti · Kurt Albert · Rotpunkt · Climbing · Vertical

KURT ALBERT: CHIUSE LE INDAGINI Forse un errore accidentale all'origine della disgrazia

Il Presidio di Polizia di di Oberpfalz (Germania) ha reso noto che sono state chiuse le indagini sulle cause dell’incidente mortale di Kurt Albert: il famoso scalatore tedesco, iniziatore del “Rotpunkt“, era inspiegabilmente precipitato dalla ferrata “Höhenglücksteig” lo scorso 26 settembre, cadendo nel vuoto per 18 metri; ricoverato in condizioni disperate, era spirato dopo 2 giorni.

La polizia tedesca (fonte: Klettern.de) ha riferito che le indagini non hanno portato all’individuazione di alcun responsabile nell’ambito dell’accaduto.

Sono state raccolte le testimonianze di 4 persone, una subito davanti a Kurt Albert e tre immediatamente dietro di lui e appartenenti al gruppo che Albert stava guidando sulla ferrata: la via in quel momento era molto frequentata, i testimoni hanno riferito di averlo visto scivolare improvvisamente e cadere.

Al momento della caduta Kurt Albert non avrebbe indossato il caschetto ma era imbragato; dopo la caduta il moschettone di sciurezza è stato però trovato sciolto lungo il cavo di acciaio della via, il che – secondo quanto riportato dalla polizia – potrebbe lasciar presumere un errore accidentale da parte dello stesso Albert al momento di assicurarsi. Qualsiasi difetto di materiale è stato invece escluso.

Rimarranno dunque solo ipotesi, all’origine di un incidente che ha colpito tutta la comunità internazionale dell’arrampicata, e il ricordo di un uomo che sulle grandi pareti del mondo ha saputo tracciare una via e uno stile tutto suo, precursore di un nuovo modo di approcciare le “sfide del vuoto”.

Tags: , , ,