MENU

11 giugno 2015

Ambiente e Territorio · in evidenza · experience · orso · Provincia Autonoma di Trento · Trentino Alto Adige

NUOVA AGGRESSIONE DA PARTE DI UN ORSO IN TRENTINO – Video testimonianza

Solamente 4 giorni fa avevamo pubblicato le indicazioni fornite dalla Provincia Autonoma di Trento sul comportamento da tenere nel caso di incontri ravvicinati con l’orso, in particolare mamme orsa con i cuccioli, nei boschi del Trentino.

A quanto pare il tema è di stretta attualità per chi frequenta queste zone, e non mancherà di suscitare nuovamente in questi giorni forti dibattiti e polemiche, perché ancora una volta, dopo altri casi recenti, si è verificato un grave caso di aggressione da parte di un orso, questa volta nei boschi a pochi chilometri dal centro abitato di Cadine (praticamente appena fuori Trento), ai danni di Wladimir Molinari, 45 anni, nel tardo pomeriggio di ieri.

L’uomo (fonte L’Adige) stava correndo da qualche minuto nella zona di «Pozza dei pini», sulle pendici del Sorasass (il monte che si affaccia a dirupo sulla piana dell’Adige, digradando invece con una fascia boschiva verso Cadine e la Valle dei Laghi), quando si è trovato l’orso alle spalle. L’animale lo ha attaccato più volte ferendolo alla testa, agli arti e all’addome, e poi si è allontanato. Molinari è stato poi soccorso da un biker, di cui L’Adige riporta la testimonianza video che riportiamo sopra (credits: Battistel), ed è stato poi trasportato dall’elicottero del 118 all’ospedale Santa Chiara di Trento, dove si trova tutt’ora ricoverato (non è in pericolo di vita).

Immediate le richieste di parte politica di sospensione del progetto Life Ursus, mentre il presidente della Provincia di Trento, Ugo Rossi, ha avviato subito contatti con il ministro dell’ambiente Gian Luca Galletti e attivato per questa mattina un incontro di urgenza con il ministero e con l’ISPRA.

 

 

 

Tags: , , ,