MENU

26 giugno 2020

Ambiente e Territorio · Cultura · Insight · Alpi Orientali · Aree Montane · Friuli Venezia Giulia · Italia · Trentino Alto Adige · Veneto · Libri Fotografici

Buon Compleanno Dolomiti: 50 alberi per ogni libro

Oggi, 26 giugno, è il compleanno delle Dolomiti! L’undicesimo anniversario del riconoscimento UNESCO quale Patrimonio Mondiale per l’eccezionale bellezza naturale e l’unicità geologica e geomorfologica.
Un compleanno in chiaroscuro, con raggi di luce tra tanti nuvoloni scuri, come in questa immagine scattata in alta Val di Braies in una sera d’estate, con il sole all’orizzonte che tramonta di fianco alla Croda del Becco.

Buon compleanno Dolomiti, Patrimonio Mondiale e Patrimonio di ognuno di Noi

Un Bene tanto meraviglioso quanto complesso, sia dal punto di vista geografico che amministrativo. Dolomiti Patrimonio Mondiale, belle parole troppo spesso non rispettate da scelte istituzionali finalizzate al “rispetto” più di interessi economici e politici che dei valori stessi per i quali tale riconoscimento è stato conferito e affidato.

Un Bene prezioso, che è prima di tutto Patrimonio di ognuno di noi.
Personalmente vedo che la maggior parte delle persone sente e vive pienamente questo rispetto, non lascia alcun segno del proprio passaggio lungo i sentieri di montagna, parla a voce bassa con i compagni di escursione, porta a valle i propri rifiuti, dal fazzoletto di carta al mozzicone di sigaretta, tanto per fare qualche esempio non certo esaustivo…
Ci sono molti però che ancora non lo fanno, per ignoranza, maleducazione e mancanza di rispetto, appunto. E chi non rispetta la Natura, non rispetta neanche l’Uomo.

Nonostante ciò, credo la risposta più efficace sia focalizzarsi sul positivo e continuare a guardare alla bellezza: il bene attrae il bene e ogni azione concreta è un esempio contagioso, silenzioso ma potente, sia nella vita che sui sentieri di montagna. Come una foresta che cresce.

Nel nostro mondo attuale dove la Natura è spesso minacciata e calpestata, il mio impegno vuole essere sempre più forte in questo senso. Allo stesso tempo, nel mio piccolo, sono consapevole dell’impronta della mia stessa attività sul pianeta, in particolare in termini di emissioni di anidride carbonica.

Ho deciso così di attivare una partnership con Eden Reforestation Projects che si occupa di progetti di riforestazione con alberi a rapido accrescimento in varie nazioni del mondo e allo stesso tempo offre lavoro alle comunità locali, spesso molto povere, con cui collabora.

Acquista il Libro e Crea la Tua Foresta

Ho attivato questo progetto con il finanziamento iniziale di una piantagione di 1.500 alberi, e da oggi in poi, per ogni copia del libro “La Voce delle Dolomiti” verranno piantati 50 alberi.

Chi volesse contribuire riceverà, oltre a una copia del libro firmata con dedica, un certificato di donazione con il corrispondente numero di alberi piantati.

Credo personalmente poi che non sia certo sufficiente piantare alberi per salvare il mondo e che l’uomo debba rapidamente e progressivamente transitare ad un’economia orientata sempre più verso risorse energetiche rinnovabili e staccata dai combustibili fossili, oltre che – soprattutto – verso uno stile di vita realmente più sostenibile, che nasca da un rinnovato sentimento di amore ed empatia per la Natura, e quindi per l’Uomo.

Ogni goccia d’acqua contribuisce a diventare mare

Quando cammino in montagna lungo i torrenti, penso spesso che ogni goccia dell’acqua che scorre contribuisce poi a diventare mare, e che non posso fare a meno di creare al meglio questa mia goccia, senza la quale sia il mare che la mia coscienza sarebbero molto più aridi.

alegruzza.com