MENU

27 aprile 2008

Eventi · Letture · Notizie CAI

AD ANNIBALE SALSA IL 37° PREMIO ITAS Premio del libro di montagna

La copertina del libroIl prestigioso “Cardo d’oro” del 37° Premio ITAS del Libro di Montagna – che annualmente viene assegnato in occasione del TrentoFilmFestival, ed è giunto quest’anno alla 37^ edizione – è stato assegnato al Presidente generale del CAI Annibale Salsa per il suo libro “Il tramonto delle identità tradizionali – Spaesamento e disagio esistenziale nelle Alpi” edito nel 2007 da Priuli & Verlucca Editori.

L’autore, docente di Antropologia filosofica e culturale all’Università di Genova, affronta in questo testo le profonde trasformazioni socio-culturali ed economiche che hanno inciso sul territorio alpino minacciandone l’identità, e delinea una possibile evoluzione in cui la cultura alpina torni ad essere, da elemento marginale, elemento integrante di nuovi modelli di sviluppo economicamente, ambientalmente e socialmente sostenibili. Un libro appassionato, non solo di denuncia, ma anche di grande speranza nella risorsa costituita dalla cultura di montagna.

Una recensione del libro di Salsa (di Piero Carlesi, dal sito del GISM) >

L’intervista all’editore Priuli (in occasione della presentazione del libro ad Alpi365) >

Gli altri Premi del 37° ITAS:
“Cardo d’argento” (per la saggistica) a “CANI, CAMOSCI, CUCULI (e un corvo)” di Mauro CORONA – A.Mondadori Editore – Segrate (MI).
“Cardo d’argento” (per opere che rivelino interesse nell’ambiente montano) a “ALBERI Le colonne del cielo – Come riconoscere 100+1 alberi e arbusti delle montagne italiane” di Ugo SCORTEGAGNA – Linea Grafica Duck Edizioni – Castelfranco V.to.

“Premio Speciale della Giuria” all’autrice Emanuela RENZETTI per “LA GRAMMATICA DELLA SALVEZZA – Ritualità popolare tra protezione e morte nel mondo alpino” – Priuli & Verlucca Editori – Scarmagno (TO).

La cerimonia di consegna dei premi è in programma martedì 29 aprile a partire dalle ore 18 nella Sala Granda del Castello del Buonconsiglio a Trento.

  • giovanna massini

    Il libro del prof. Salsa in ogni riga e in ogni pagina trasuda di amore per la montagna nella sua totalità.

  • Leo

    Anch’io nella lettura del libro – seppur “mascherata” da un approccio da studioso della materia – ho percepito grande passione per la montagna nella sua totalità. Il testo spinge a riflettere e a porsi delle domande serie sul futuro della montagna, su quale sviluppo sia sostenibile, non solo ambientalmente ed economicamente, ma soprattutto culturalmente. In altre parole: è possibile uno sviluppo delle zone montane che non vada a discapito della loro perdita di identità?

  • Mi chiamo Giovanni e vivo in Calabria,anche se sembra strano per un calabrese, pratico l’alpinismo, anzi volevo invitarVI a visitare la mia Regione che sta diventando meta di scopritori di nuove vie alpinistiche.Complimenti per il blog…