MENU

19 marzo 2013

Uncategorized · etica · GISM · Marco Blatto · scrittori montagna · sentimento meta · trad climbing

Ho letto “Meta e sentimento della scalata”

In questi giorni sto davvero divorando libri. Nonostante abbia davvero poco tempo, non tanto per le ore di lavoro, quanto per un importante cammino intrapreso, ho dovuto mettermi dietro allo sviscerare ogni più piccola sfaccettatura di alcuni volumi utili alla professione.

Di fatto però, le cose vere, spuntano vivide tra tutte le altre, ed ecco come mi sono trovato di fronte al Quaderno d’Etica dell’amico Marco Blatto.

Meta e sentimento della scalata

Il libro parla di un viaggio spirituale e fisico, l’Alpinismo, ed è un meta-volume in quanto leggerlo è di per sé una magnifica avventura che buca la realtà, permeando negli strati dell’essere attraverso la storia, una parte essenziale di storiografia e le correnti di pensiero.

Tutto ciò non si riflette sul concepire medio degli arrampicatori da Marco analizzati, ma piuttosto sull’attuazione fisica di chi, soggettività nell’oggettività, si ritrova proprio in questo momento come un piccolo puntolino su un gigante di pietra.

Si parla di visione, di rischio, di tecnicismo e di sportivizzazione. Emerge chiara una domanda: ma se in queste decadi, dal Nuovo Mattino alle Antiche Sere, il “vento sportivo” ha generato il plaisir… cos’accadrà quando il vento “trad” influenzerà il mondo?

Il discorso di Blatto è fluido come l’acqua e richiama il bellissimo studio di Spiro Dalla Porta Xydias, il primo quaderno di Etica dell’Accademia.

Consiglio vivamente questa lettura, ma soilo ad una condizione: in un momento di libertà pura, senza orologi, telefonini o qualsivoglia distrazione fisica e mentale, pronti per affrontare lo stesso viaggio che l’autore cita.

copertina

“META E SENTIMENTO NELLA SCALATA”
Autore: Marco Blatto
Collana: Quaderni di etica dell’alpinismo (vol.2)
A cura: GISM, Gruppo Italiano Scrittori di Montagna
Editore: Luglio Editore, Trieste – 2013
Prezzo di copertina: 5 euro

Tags: , , , , ,