MENU

15 aprile 2013

in evidenza · Mountain Bike · action · Anton Cooper · Blaza Klemencic · Elisabeth Osl · Eva Lechner · gare · Luca Braidot · Manuel Fumic · Marlene Suedtirol Sunshine Race · Miguel Martinez · mountainbike · Altri · Mountain Bike

MARLENE SUEDTIROL SUNSHINE Quarto trionfo per la Lechner

Caratterizzata da ben 750 atleti e 20 Nazioni al via, Nalles celebra l’ennesimo successo della propria beniamina Eva Lechner. L’altoatesina del Team Colnago domina la prova femminile della 13a “Marlene Südtirol Sunshine Race” e trionfa per la quarta volta nella gara di casa, staccando nella speciale classifica dei successi complessivi la fuoriclasse norvegese Rita Gunn-Dahle. Il trionfo di Eva arriva davanti alla slovena Blaza Klemencic, l’ultima ad arrendersi, ed all’austriaca Elisabeth Osl. Quarto posto per la vice campionessa olimpica Sabine Spitz.

Tra gli uomini, il successo va a Manuel Fumic. Il tedesco della Cannondale sfrutta l’assenza del bronzo olimpico Marco Aurelio Fontana (infortunatosi la settimana scorsa in Svizzera) e vola fino al primo posto di un podio da ricordare: secondo è infatti il talento neozelandese Anton Cooper, campione mondiale juniores, mentre terzo si piazza il veterano francesce Miguel Martinez, campione olimpico di Sydney nel 2000. Il migliore azzurro è il giovane Luca Braidot, quinto, mentre Gerhard Kerschbaumer viene rallentato da un problema alla sella e chiude 12°.

Perfetta, nel suo complesso, l’edizione 2013 della “Marlene Südtirol Sunshine Race”, prima prova degli “Internazionali d’Italia Series”. Una splendida giornata di sole ha infatti portato a Nalles un pubblico d’eccezione, che ha ammirato le gesta dei propri beniamini sostenendoli a gran voce per tutta la durata della corsa di cross-country. Una manifestazione sviluppatasi lungo i cinque giri complessivamente percorsi dalle donne (26,7 km) ed i sette portati a termine dagli uomini (36,7 km).

Gara maschile.
l nome del trionfatore nell’edizione 2013 della “Marlene Südtirol Sunshine Race” è quello di Manuel Fumic, che col tempo di 1h 38′ 10” sbaraglia la concorrenza ed ottiene così il suo primo successo a Nalles. Il tutto al termine di una prova condotta di fatto dall’inizio alla fine, nella quale ha preceduto di 43” il talentuoso campione mondiale juniores Anton Cooper, proveniente dalla lontana Nuova Zelanda. Al terzo posto una vecchia conoscenza della disciplina, il francese Miguel Martinez (1h 39′ 59”), che a 37 anni si regala una performance da ragazzino, precedendo il ceco Jan Skarnitzl ed il migliore degli italiani, Luca Braidot (5° in 1h 41′ 27”). Dodicesimo posto per lo sfortunato altoatesino Gerhard Kerschbaumer, penalizzato da un problema al sellino nel corso del 2° giro, mentre prima del via è stato costretto al ritiro uno dei grandi favoriti della vigilia: il soggetto in questione è il terzo piazzato di Londra 2012, l’azzurro Marco Aurelio Fontana, fermato da un infortunio patito una settomana fa in Svizzera.

La cronaca. Il successo di Fumic si inizia a materializzare già nelle fasi iniziali della gara. Il tedesco lascia al comando l’azzurro Braidot nel corso del giro di lancio, ma già nella prima tornata prende il comando delle operazioni ed inizia a guidare il gruppo. Alle spalle del settimo classificato di Londra 2012 si fa largo Cooper, che al 4° giro supera lo stesso Braidot e si mette sulle sue tracce. Nel 5° giro lo stesso Fumic diminuisce leggermente il ritmo, ma il vantaggio accumulato (oltre 1′ su Cooper) gli consente di gestire il primo posto senza patemi. Nel frattempo cresce l’azione del redivivo Martinez, che al 6° giro sopravanza Braidot e si piazza al terzo posto. Un ordine d’arrivo che non viene modificato dal settimo e ultimo giro, con il tedesco Fumic che chiude con le braccia al cielo per il proprio primo trionfo sul tracciato di Nalles.
Italiano, viceversa, il successo tra gli under 23: il vincitore è infatti Gioele Bertolini del Team Cbe Tecnoimpianti Asd, capace di chiudere con il crono di 1h 17′ 43” i cinque giri in programma.

Manuel Fumic, il vincitore: “Sono felicissimo di questa mia prima vittoria a Nalles. Quest’oggi ho incontrato qualche difficoltà solo in avvio, poi sono riuscito a mantenere il livello di pedalata sempre elevato e tutto ha funzionato al meglio. Sono soddisfatto in particolar modo perché credo di aver disputato una gara intelligente, nella quale ho saputo gestirmi al meglio. Anche il tempo è ottimo, sinonimo di una forma in costante crescita.”

Gara femminile.
Il grande sogno di Eva Lechner, vincere per la quarta volta a Nalles e portarsi al primo posto solitario nella classifica dei successi alla “Marlene Südtirol Sunshine Race”, è ora realtà. Al termine di una prova pressoché perfetta, l’altoatesina vince l’appassionante gara di Nalles con il crono di 1h 28′ 19”, precedendo la slovena Blaza Klemencic (+ 32”) e l’austriaca Elisabeth Osl, piazzatasi sul terzo gradino del podio con 1′ e 44” di ritardo dalla vincitrice. Quarto posto invece per la vice campionessa olimpica Sabine Spitz, capace di chiudere in 1h 31′ 27”. Tra le juniores il successo va all’altoatesina Greta Weithaler dell’ASV Ötzi Bike Team.

L’atteso trionfo della campionessa di casa arriva al termine della cosiddetta gara perfetta. Fin dalle prime battute Eva Lechner si mantiene infatti nelle posizioni di testa e dopo aver lasciato nel giro di lancio la leadership all’amica-rivale Osl, la “padrona di casa” inizia a gestire le operazioni con la consueta classe. L’altoatesina chiude in testa già il primo giro ed a breve si capisce che per il successo sarà una lotta a due con la slovena Blaza Klemencic. Dopo meno di due tornate le due battistrada staccano infatti le due rivali Osl e Spitz, prendendo il controllo della prova. La Lechner oggi è però di un altro pianeta e lo dimostra nel terzo giro, quando in prossimità del passaggio tecnico “Guggu-Hütte” inizia a costruire il proprio margine sull’avversaria.

Al traguardo la Lechner arriva con un vantaggio di 14”, divario che aumenta fino ai 23 del penultimo giro. Nell’ultima tornata Eva riesce ad amministrare in maniera perfetta e chiude con 32” di vantaggio su una comunque mai doma Klemencic. Più staccata la terza classificata Osl, mentre il 4° posto va ad una soddisfatta Spitz. Quinta la polacca Dawidowicz, sesta l’argentina Alvarez.
Il tutto per la gioia del commissario tecnico della Nazionale di mountain-bike Hubert Pallhuber: “Pare proprio che Eva abbia studiato a dovere le avversarie – ha commentato il ct al termine della gara -. La Klemencic era una cliente davvero ostica, ma l’altoatesina l’ha saputa tenere a bada grazie ad una condotta davvero intelligente, che l’ha portata al quarto trionfo e dunque al record di successi qui a Nalles. Chapeau.”

Eva Lechner, vincitrice e nuova detentrice solitaria del record di successi a Nalles: “Amo correre su questa pista e di fronte a questo splendido pubblico. Oggi sapevo di avere di fronte delle avversarie davvero forti, ma tenevo davvero molto a questo successo e alla fine sono riuscita ad impormi, anche se non è stato per niente facile. In particolare sapevo di soffrire il passaggio dell’Usignolo e per questo ho cercato sempre di entrare per prima in quel punto. In generale sono riuscita a partire bene e poi a piazzare l’attacco decisivo in discesa. Sono orgogliosa di questa vittoria.”

Grazie al successo di Eva Lechner nell’edizione 2013, l’Italia balza a quota 11 nella classifica per Nazioni. Tre le affermazioni della Norvegia, due quelle di Spagna, Belgio e, per merito di Fumic, Germania. A livello individuale, Eva Lechner stacca Rita Gunn-Dahle e vola solitaria in vetta con quattro vittorie. In campo maschile, restano a quota due Ivan Alvarez Gutierrez, Raul Paulissen e Marco Bui.

Lo spettacolo della XCO Eliminator Raiffeisen Sprint
Degno antipasto della “Marlene Südtirol Sunshine Race” ha saputo rivelarsi anche quest’anno la spettacolare prova XC Eliminator Raiffeisen Sprint, andata in scena come di consueto lungo le vie di Nalles. Una kermesse che ha visto l’austriaco Daniel Federspiel ripetere il successo dello scorso anno e trionfare davanti agli italiani Martino Fruet e Giulio Valfré. Bis anche in campo femminile, dove la fuoriclasse di casa Eva Lechner ha saputo imporsi davanti alla compagna di squadra Nathalie Schneitter (Svizzera). Terza si è piazzata l’altoatesina Julia Innerhofer.

 

Classifica femminile
1. Eva Lechner (TEAM COLNAGO ARREGHINI) 1h 28′ 19; 2. Blaza Klemencic (TEAM CALCIT BIKE) 1h 28′ 51”; 3. Elisabeth Osl (GHOST FACTORY RACING) 1h 30′ 04”; 4. Sabine Spitz (SABINE-SPITZ HAIBIKE PRO TEAM) 1h 31′ 27”; 5. Aleksandra Dawidowicz (BI&ESSE CARRERA) 1h 33′ 37”; 6. Jackelina Alvarez (TEAM SHIMANO LATIN AMERICA); 7. Serena Calvetti (SURFING SHOP SPORT PROMOTION ASD) 1h 34′ 07”; 8. Daniel Veronesi (SURFING SHOP SPORT PROMOTION ASD) 1h 34′ 51”; 9. Andrea Waldis (COLUMBIA) 1h 35′ 41”; 10. Nathalie Schneitter (COLUMBIA) 1h 37′ 01”.

Classifica maschile
1. Manuel Fumic (CANNONDALE FACTORY RACING) 1h 38′ 10”; 2. Anton Cooper (CANNONDALE FACTORY RACING) 1h 38′ 53”; 3. Miguel Martinez (GS PROMO-BIKE FRM ASD) 1h 39′ 59”; 4. Jan Skarnitzl (SRAM RUBENA TREK) 1h 41′ 03”; 5. Luca Braidot (GS FORESTALE ASD) 1h 41′ 27”; 6. Martin Gujan (TX ACTIVE BIANCHI); 7. Karl Markt (OTZTAL SCOTT RACING TEAM); 8. Martin Loo (HARD ROCK MERIDA ASD); 9. Ivan Alvarez Gutierrez (ELETTROVENETA – CORRATEC); 10. Simon Scheiber (OTZTAL SCOTT RACING TEAM).

Classifica under 23
1. Gioele Bertolini (TEAM CBE TECNOIMPIANTI ASD) 1h 17′ 42”; 2. Federico Barri (TX ACTIVE BIANCHI) 1h 18′ 15”; 3. Massimo Rosa (STACPLASTIC GT), 1h 19’57”; 4. Alessandro Saravalle (GS CICLI LUCCHINI ASD) 1h 20′ 27”; 5. Max Foidl (TEAM MUSKELKATER GENESIS) 1h 21′ 03”; 6. Felix Ritzinger (SPORTUNION TB-TEAM) 1h 21′ 05”; 7. Nadir Colledani (B TEAM-OMNIA ENERGY) 1h 21′ 59”; 8. Michael Spoegler (ASC SARNTAL RAIFF/RAD) 1h 22′ 11”; 9. Alessandro Naspi (HARD ROCK MERIDA ASD) 1h 22′ 13”; 10. Gregor Krajnc (EAM CALCIT BIKE) 1h 22′ 27”.

Tutte le classifiche complete della “Marlene Südtirol Sunshine Race” 2013 sono disponibili su www.sunshineracers-nals.it.

Tags: , , , , , , , , , ,