MENU

27 novembre 2018

Climbing · Vertical · Alpi Orientali · Aree Montane · Italia · Trentino Alto Adige · Veneto

Chris Snobeck ripete “A Line Above the Sky” (D15) nelle Dolomiti

Chris Snobeck. Fonte: facebook

L’americano sale la mega via al cospetto della Marmolada, considerata la linea di drytooling più dura al mondo

Chris Snobeck ha ripetuto “A Line Above the Sky” (D15) nelle Dolomiti, l’incredibile mega via di drytooling scalata  per la prima volta dall’inglese Tom Ballard nel gennaio 2016. La linea  si trova nella grotta di Tomorrow’s World, ai piedi della Marmolada.

Lunga 40 metri,  è stata la prima via classificata D15, ed è considerata la linea di drytooling più dura al mondo.

Chris Snobeck ripete A Line Above the Sky (D15), Dolomiti. Foto: Melissa McKinley

Lo statunitense, che era già stato a Passo Fedaia all’inizio dell’anno, ha annunciato la ripetizione sul suo Instagram il 23 novembre. Precisa Snobeck: “avevo fatto una ricognizione del percorso a febbraio e avevo salito alcune parti prima… Sono eternamente grato a tutte le persone meravigliose della mia vita, che mi spronano e mi ispirano. Melissa, ti amo; grazie per esserci, per la sosta e per la foto.” (se si ingrandisce l’immagine si vede Snobeck sulla via)

“A Line Above the Sky” (D15)  è stata ripetuta da  forti alpinisti, specialisti dell’arrampicata con piccozze e ramponi, come l’altoatesina Angelika Rainer (prima donna al mondo a salire una via di difficoltà D15, novembre 2017), Gaetan Raymond (prima ripetizione, febbraio 2016), Dariusz Sokołowski (dicembre 2016) e Jeff Mercier (novembre 2017).