MENU

20 febbraio 2019

Climbing · Vertical · Le 15 più belle ferrate tra il Garda e le Dolomiti · Alpi Orientali · Aree Montane · Italia · Trentino Alto Adige

Ferrata Rio Sallagoni

Un sentiero attrezzato sospeso tra storia e magia, dedicato alle famiglie.

  • Foto di Giampaolo Calzà
  • Foto di Giampaolo Calzà
  • Foto di Giampaolo Calzà
  • Foto di Giampaolo Calzà
  • Foto di Giampaolo Calzà
  • Foto di Giampaolo Calzà

Zona: Dro (TN) – Valle del Sarca

Difficoltà: F
Posteggio più vicino: parcheggio “dedicato” sulla S.P. 84 nei pressi della ferrata (45.9714338 , 10.9341387)
Tempo di avvicinamento: 10’
Durata: 2h  circa per la ferrata
Dislivello: 200m
Periodo consigliato: tutto l’anno

Come ci spiega la Guida Alpina Gino Malfer, responsabile assieme alla Guida Alpina Giampaolo Calzà della società Arco Mountain Guide, la via ferrata Rio Sallagoni è intrisa di storia in quanto risale una vecchia via di fuga sotto Castel Drena. Il sentiero attrezzato risale il canyon arrampicando sui lati o sospeso sopra un torrente. Vi troverete in un ambiente selvaggio, quasi mistico, in un continuo gioco di luci e ombre. Durante il percorso vi aspettano due ponti tibetani che metteranno alla prova il vostro equilibrio. Ferrata molto suggestiva che risale un piccolo canyon nascosto agli occhi dei comuni turisti. 

Questa ferrata la senti un po’ “tua”?
E’ una ferrata a cui sono particolarmente legato. Sono nato a Dro, a pochi minuti di auto dal Castello di Drena e questa è un po’ la ferrata del paese. Fin da bambino osservavo questa forra scavata dall’acqua. Mio padre, che faceva il forestale e conosceva bene il territorio, mi raccontava di fughe dei castellani, quando venivano attaccati, attraverso quello che possiamo definire un percorso “segreto”.

Una bella storia non conosciuta ai più.
Diciamo che la ferrata di Drena rappresenta un po’ l’esempio di come noi, intendo popolazione locale, abbiamo imparato dai turisti ad apprezzare quello che ci stava attorno. Successivamente il canyon è stato riattrezzato e valorizzato dal primo gruppo di guide alpine di Arco.

Possiamo definirlo un ambiente magico?
E’ un ambiente atipico per una ferrata in quanto non si arriva in cima a nulla. La particolarità dei giochi di luce e acqua nei mattini d’estate rendono il canyon unico e adatto a foto ricordo memorabili. I turisti dopo aver provato questa singolare esperienza ne escono entusiasti.

A chi è adatta questa ferrata e in che periodo è indicato percorrerla?
Consiglio di percorrerla durante l’estate in quanto le rocce riparano dal gran calore.

Possiamo considerarla una ferrata per le famiglie?
Sicuramente sì, possiamo proprio definirla così. Questa via ferrata è breve ma non facile, adatta per gli adulti, ragazzi e bambini che abbiano compiuto i 9 anni di età. Non è una ferrata lunga, e questo è importante, poi è uno dei percorsi dove l’avvicinamento è brevissimo e all’uscita, in pochi minuti, si ritorna alla macchina.

Contatti Guida Alpina
GINO MALFER
Via al Dosso del Castello 8 • 38074 Dro (TN) Italy
Cell. 330 56 72 85
Email: info@arcomountainguide.com
Sito: www.arcomountainguide.com