MENU

26 marzo 2019

Alpinismo e Spedizioni · Vertical · Resto del Mondo

Jannu, parete Est. Notte sotto la Cresta per i russi Nilov e Golovchenko

Jannu. Fonte: A. Laletina

Prevista una finesta molto breve per domani

I russi Sergey Nilov e Dmitry Golovchenko hanno trascorso la notte sotto la cresta dello Jannu, a 7.070 m di quota, secondo quanto indicato dall’altimetro (il tracker indica 7.297 metri), sopra il seracco.

Questa mattina, secondo alcune informazioni divulgate da Anna Laletina (RussianClimb),  hanno discusso delle prossime azioni  sulla montagna con il Campo Base, una volta raggiunta la Cresta:
– continuare a scalare sulla via francese della prima salita del 1962 (spedizione diretta da Paragot con Desmaison e Terray).
–  scendere dalla stessa via francese in direzione Gunza.

Sta ancora nevicando. La visibilità è ridotta. Le previsioni meteo annunciano un leggero miglioramento per domani. Entro la sera di domani il vento aumenterà nuovamente. E domani è previstsa una notte molto fredda.

Va da sè che la decisione finale su come procedere sarà dei due alpinisti, impegnati sull’inviolata parete Est.

Aggiornamento del 26 marzo 2019:
E’ sera sullo Jannu. Oggi  Sergey Nilov e Dmitry Golovchenko non si sono mossi e hanno trascorso la giornata in tenda. E’ caduta mezzo metro di neve. Secondo le previsioni, dovrebbe smettere di nevicare domani mattina presto.

Altre notizie pubblicate sulla spedizione allo Jannu 2019