MENU

3 aprile 2019

Alpinismo e Spedizioni · Vertical · Resto del Mondo

Jannu. I russi Gołovchenko e Nilov hanno raggiunto Eliza. Ora tutti verso Ghunsa

Jannu East 2019

Finalmente Dmitry Gołovchenko e Sergey Nilov,  dopo molti giorni sulla montagna,  hanno raggiunto il team di Eliza Kubarska, sul ghiacciaio Yamatari

Dopo 18 giorni, si conclude la spedizione sullo Jannu (7.710 m) dei russi Dmitry Gołovchenko e Sergey Nilov, iniziata il 16 marzo sulla parete orientale. A causa della difficoltà, del maltempo e di insufficiente acclimatazione, la progressione in salita è stata lenta.

Ad un certo punto i due russi hanno abbandonato il loro piano originale di scalare la parete Est fino alla cima per salire la Cresta e poi scendere dal versante opposto;  raggiungere la Cresta Sud è stata comunque una grande sfida.
La discesa dalla Cresta Sud (Spalla Sud) è stata complessa ed è stata possibile grazie al contatto radio con cui sono state trasmesse le informazioni necessarie alla squadra, che ha raggiunto il ghiacciaio principale Yamatari a circa 5000 metri, ieri 2 aprile, alle 17:00  (ora nepalese).

Jannu. Discesa dei russi dalla Sud-Ovest

Sulla cartina, in rosso  è indicata la via di discesa indicativa della squadra russa dalla  Sud-Ovest dello Jannu (carta tratta dalla guida-monografia di  John Kiełkowski “Kangchenjunga Himal & Kumbhakarna Himal”, ed. Explo, Gliwice 1999). Ulteriori indicazioni (blu e rosso) di Grzegorz Głazek.

Da sottolineare  l’aiuto da Eliza Kubarska che, con Pasang Sherpa e Zofia Muras, ha attraversato i passi di alta montagna per oltre 30 km, dalla base del ghiacciaio Jannu al ghiacciaio Yamatari, rendendo possibile il contatto radio con gli scalatori russi e  attendendoli con provviste.

Ora, tutta la squadra sta scendendo lungo il ghiacciaio Yamatari verso il villaggio di Ghunsa (a circa 3550 m.)

Jannu. Al CB (prima di iniziare la salita della parete orientale), a sinistra Sergey, Eliza Kubarska e Dmitry (foto: Marcin Tomaszewski)

Le progressioni di Dmitry e Sergey sullo Jannu, 2019:

16/03 – i russi lasciano il CB
18/03 – altezza raggiunta 6100 m sopra il livello del mare
19.03 – 6560 m
20,03 – 6710 m
21.03 – 6770 m
22/03 – 6920 m
23/03 – 7127 m
24/03 – 7230 m (circa 7100 m)
25.03 – 7270 m
26.03 – 7270 m (nevicate)
27.03 – 7300 m (o 7100 m da orologio con altimetro)
28/03 – circa 7200 (costa meridionale – spalla sud)
29/03 – circa 6700 m (versante sud-ovest dello Jann) – sopra il Throne Glacier
30/03 – circa 6400-6500 – cima di Tete de Butoir (Buffer Peak)
31/03 – circa 6000-6100
01/04. – circa 5700 m – Providence Glacier
02/04 – Yamatari Glacier
Informazioni personali di Eliza Kubarska / troupe cinematografica di Wall of Shadows, mountain.ru

Jannu East Face: Nilov e Golovchenko. Foto: M. Tomaszewski