MENU

7 ottobre 2019

Alpinismo e Spedizioni · Vertical

Kilian Jornet rinuncia al suo tentativo sull’Everest

Kilian Jornet

Jornet: “In questi giorni sono stato in grado di fare un tentativo in stile alpino fino a un’altezza di circa 8.300 metri da una variante del percorso polacco degli anni ottanta, prima di ritirarmi a causa del pericolo valanghe.”

Il catalano Kilian Jornet  abbandona il suo tentativo all’Everest. Lo ha comunicato sui suoi canali social, precisando di aver raggiunto un’altezza di circa 8.300 metri da una variante del percorso polacco degli anni ottanta:

«Lo scorso mese sono stato nella valle del Khumbu, per trascorrendo del tempo con la mia famiglia, allenandomi e arrampicandomi. Maj [mia figlia] ha scoperto queste montagne e questa cultura che Emilie [Forsberg] ed io amiamo così tanto. Il tempo è stato difficile, con molta neve e precipitazioni. Avevo alcuni progetti di arrampicata in testa, in base alle condizioni e del tempo. Alla fine, non è stato possibile attuare nessuno di questi per diversi motivi, anche se mi sono davvero goduto queste montagne nonostante il maltempo. In questi giorni sono stato in grado di effetturare un tentativo in stile alpino fino ad un’altezza di circa 8.300 metri per una variante del percorso polacco degli anni ottanta, prima di ritirarmi a causa del pericolo di valanghe. Sebbene non abbia raggiunto il massimo, l’esperienza di una spedizione molto leggera, di solitudine in montagna e di avere la possibilità di effettuare alcuni buoni tentativi, l’ha resa un’esperienza interessante e forte».

Everest, autunno 2019. Foto: Kilian Jornet. Fonte: facebook

Everest, autunno 2019. Foto: Kilian Jornet. Fonte: facebook

Conclude l’atleta: “E ‘ stato anche molto bello condividere alcuni pasti e parlare con altri scalatori come Garrett Madison, Andrzej Bargiel e il team e i ragazzi di Polski Himalai Zmzimowy. Ora si torna in basso, con un sacco di idee e motivazione per il futuro!”

Pertanto, nessun vertice sull’Everest, quest’autunno. L’unica spedizione che sembrava disposta ad attendere ancora era quella organizzata da Garrett Madison con Zac Bookman e Kristin Bennett (il team ha atteso finora la caduta del seracco che rende pericoloso attraversare la cascata di ghiaccio), tuttavia The Himalayan Times ha riferito che anche questa spedizione si sta ritirando.