MENU

19 Settembre 2022

Alpinismo e Spedizioni · Vertical · Resto del Mondo

Manaslu (8127 m) | autunno 2022: annunciati i primi tentativi al vertice dopo l’apertura della via

Hilaree Nelson. Fonte instagram

Aggiornamento Flash

Malgrado il maltempo, gli scalatori hanno continuato le loro rotazioni di acclimatazione sul Manaslu e, dopo l’apertura della via per il vertice principale, qualcuno ha già annunciato di voler presto lanciare il tentativo alla vetta.
Ieri lo statunitense Jim White Morrison scriveva:  “Qualche giorno produttivo in quota. Hilaree Nelson ed io abbiamo depositato del cibo e tutto il materiale al C3 in una rotazione di acclimatazione di tre notti. Spalato molto a C1 in discesa e dormito un po’ al Campo Base.
Ora dobbiamo attendere una finestra favorevole tra i continui venti monsonici per sciare questa bella montagna …”. In un post successivo, Nelson annunciava: “Nel caso tu non riuscissi a leggere, il saturimetro indica 57! Spero che un paio di giorni al Campo Base abbiano rinforzato i globuli rossi perché oggi usciremo per andare in cima! Dovrebbero volerci un paio di giorni. Sono entusiasta di tirare fuori finalmente i nostri sci”.
Pare non siano gli unici a voler attaccare la cima nelle prossime ore:
“Molti,  intendono lanciare un tentativo a breve – ha riferito Manishh Tamang (Pakhrinn) a Garranzo – Il nostro team leader Chatours Dai ha pianificato un’altra rotazione a C3 e poi il tentativo alla vetta”. La squadra di Chatours  ha già effettuato una rotazione a C1 e C2.

Primi raggi di sole sul Manaslu. Foto Manishh T. P./instagram

Finora, dei “grandi” team, solo IMG ed Elite Exped hanno completato le rotazioni a C3.
Tra i gruppi indipendenti,  la squadra kirghiza è pronta, anche se sabato, Andrey Erokhin, scriveva: “Il tempo è variabile. Le previsioni mutano come il tasso di cambio dei bitcoin. Abbiamo deciso di aspettare un altro giorno al Campo Base… Non ho quasi più vestiti asciutti a causa della costante umidità”.
Il team è preoccupato per le notizie dei recenti scontri avvenuti in una zona di confine tra Kirghizistan e Tagikistan.  Il conflitto alla frontiera tra i due paesi dell’Asia centrale, confinanti entrambi con la Cina, ha provocato finora più di 50 morti e l’evacuazione di migliaia di persone. Le violenze, iniziate qualche giorno fa, sono culminate venerdì in una serie di bombardamenti reciproci. I tentativi di applicare un cessate il fuoco finora sono falliti.

Sono 404 i permessi di scalata per il Manaslu rilasciati finora agli stranieri per la stagione autunnale 2022 dal Dipartimento del Turismo del Nepal.

Intanto Simone Moro ha pubblicato il video di un salvataggio effettuato a Campo 2:

“Aiutare gli altri a realizzare i loro sogni e le popolazioni locali a beneficiare di un trasporto o di un’evacuazione medica è il motivo per cui sono venuto di nuovo in Nepal. Mi capita spesso di dover soccorrere persone in pericolo e in difficoltà e questo video racconta di un complicato salvataggio che ho deciso di fare a 6400 metri al Campo 2 del Manaslu. Niente è eccezionale, ma niente è banale. Ogni giorno si impara e si migliora.

Aggiornamento del 20 settembre

Gli scalatori sono in attesa al campo base, alcuni a Campo I, che il tempo permetta loro di raggiungere la vetta del Manaslu.
“La prima squadra tenterà di raggiungere la vetta del Manaslu il 21 settembre”, ha dichiarato Mingma Gyalje Sherpa alias Mingma G (Image Nepal), che l’anno scorso ha guidato il suo team alla vera vetta.

Sono molti gli alpinisti che sono tornati al Manaslu per raggiungere la vera cima dell’ottomila. “La via è difficile, soprattutto per i principianti”, ha dichiarato Mingma David.

La norvegese Kristin Harila, insieme ai suoi due compagni di cordata, Pasdawa Sherpa e Dawa Onju Sherpa, è tra coloro che tenteranno di raggiungere la vetta il 21 settembre, secondo quanto dichiarato da Pemba Sherpa, fondatore di 8K Expedition.
I fratelli Mingma Sherpa e Chhang Dawa Sherpa (Seven Summit Treks), detentori del record di 14 vette, hanno in programma di raggiungere il vertice il 22 settembre.

Gli operatori si coordineranno per raggiungere la vetta affinchè non si verifichino ingorghi. “Le squadre devono fare i turni per la spinta alla vetta, in modo da evitare inutili assembramenti nella zona della morte”, ha dichiarato Mingma G.