MENU

10 agosto 2020

Alpinismo e Spedizioni · Vertical · Alpi Occidentali · Aree Montane · Italia · Valle d'Aosta

Matteo Pasquetto perde la vita nel Massiccio del Monte Bianco

Matteo Pasquetto

Il 25enne stava affrontando la discesa della Cresta Reposoir

Lutto nel mondo dell’alpinismo per la scomparsa dell’aspirante guida alpina  Matteo Pasquetto, 25 anni, vittima di una fatale caduta in un crepaccio nella giornata di venerdì 7 agosto mentre affrontava la discesa della Cresta Reposoir, sul versante italiano del gruppo del Monte Bianco, con il presidente dei Ragni Matteo Della Bordella e l’altro Ragno Luca Moroni con cui aveva aperto una nuova  via sulla parete Est delle Grandes Jorasses.

L’incidente è avvenuto verso le 13.30, a quota 3.450 metri.

Varesino di nascita, all’inizio del 2020 Pasquetto era tornato in Patagonia per affrontare la parete Est del Cerro Torre proprio con Della Bordella e con il compianto Matteo Bernasconi, amico e maglione rosso scomparso a metà maggio dopo essere stato travolto a una valanga sul Pizzo del Diavolo. I tre alpinisti, avevano rinunciato alla Est del Cerro Torre a causa del maltempo, ma a febbraio avevano aperto “Il dado è tratto”, una via nuova sulla Nord dell’Aguja Standhardt.

Grande appassionato di montagna, Pasquetto viveva a Varese.

Il funerale sarà domani, martedì 11 agosto alle 15:00, presso la chiesetta di Entreves (Courmayeur), giorno in cui avrebbe dovuto compiere 26 anni.

Matteo Pasquetto. Fonte: facebook