MENU

10 settembre 2019

Climbing · Vertical · Alpi Orientali · Aree Montane · Italia · Trentino Alto Adige

Mondiali Giovanili di arrampicata sportiva 2019. Bronzo per Anna Calanca nella Speed ad Arco

Mondiali Giovaniil di Arrampicata Speed, Arco, 2019: Remizova, Pashkov, Hunt. Fonte: Newspower

Pashkov, Remizova e Hunt in vetta alla Speed

Ai Campionati Mondiali Giovanili di arrampicata sportiva ad Arco (21-31 agosto), in Trentino, l’Italia ha festeggiato una seconda medaglia dopo il successo Lead di Laura Rogora, il bronzo Speed di Anna Calanca, nella categoria Youth A, abile a sopravanzare l’altra azzurra Giulia Randi nella finalina per il terzo e quarto posto.

Nella gara Junior ha vinto Elena Remizova: “Ero molto concentrata sulla mia gara, questo sarà il mio ultimo Campionato Mondiale Giovanile: dovevo dare il meglio”. La russa ha superato in finale la cilena Alejandra Contreras. Buona la prova di Francesca Vasi in quinta posizione.

Per quanto riguarda le gare maschili e femminili Youth A, l’americana Emma Hunt doma in finale la connazionale Kiara Pellicane-Hart: “ Non riesco a credere di aver vinto, sono sotto shock!”. Tra gli Youth maschi da segnalare il quarto posto di Jacopo Stefani e il sesto di Andrea Zappini, mentre trionfa il russo Iaroslav Pashkov sull’americano Jordan Fishman e sul coreano Yongjun Jung: “Gareggio da sei anni ma questa è la mia prima competizione internazionale. Io vengo da una nuova generazione di russi nell’arrampicata, arrampichiamo solo sull’artificiale”, chiude l’ultimo vincitore.

Mondiali Giovaniil di Arrampicata ad Arco, 2019, Speed: Calanca. Fonte: Newspower

Finale Speed – Junior femminile
1 Remizova Elena RUS; 2 Contreras Alejandra CHI; 3 Kalucka Aleksandra POL; 4 Grossman Natalia USA; 5 Vasi Francesca ITA; 6 Bair Lauren USA; 7 Kalucka Natalia POL; 8 Aksenova Polina RUS

Finale Speed – Youth A femminile
1 Hunt Emma USA; 2 Pellicane-Hart Kiara USA; 3 Calanca Anna ITA; 4 Randi Giulia ITA; 5 Ovchinnikova Iuliia RUS; 6 Lotz Julia AUT; 7 Amanda Narda Mutia INA; 8 Ritter Franziska GER

Finale Speed – Youth A maschile
1 Pashkov Iaroslav RUS; 2 Fishman Jordan USA; 3 Jung Yongjun KOR; 4 Stefani Jacopo ITA; 5 Altynbekov Beknur KAZ; 6 Zappini Andrea ITA; 7 Muehring Joshua USA; 8 Takeda Hajime JPN

Titoli Speed delle categorie Youth B maschili e femminili e Junior maschi

Nella gara dei giovanissimi l’ucraino Hryhorii Ilchyshyn  ha battuto l’americano di origini orientali Oliver Kuang, mentre nella finalina per il terzo posto il bravo faentino Marco Rontini ha ceduto al canadese Dylan Le: “Contentissimo, è la prima volta che partecipo ad una competizione così prestigiosa, continuerò su questa strada perché il mio sogno sono le Olimpiadi”, afferma Rontini. 21° Francesco Govoni, 26° Alessandro Giorgianni.

Tra le ragazze Callie Close si è portata a casa il titolo primeggiando sulla tedesca Nuria Brockfeld, mentre la francese Manon Lebon – che sembrava indirizzata verso un metallo ben più prezioso – si è  accontentata del terzo posto dopo aver regolato le ondate di Oceana Carter. L’altezza non è sembrata un problema per la vincitrice: “Vero, sono più alta delle mie avversarie ma a volte può essere un vantaggio, è difficile stabilire quali siano le caratteristiche fisiche ideali per praticare il nostro sport”.
Out Beatrice Colli (10a.), Alessia Mabboni (13.a), Federica Papetti (15.a).

Il russo Sergey Rukin si è  imposto sul connazionale Almaz Nagaev. Peccato per il “gatto” Rahmad Adi Mulyono, indonesiano piazzatosi sul gradino più basso del podio, ma anch’egli poteva ambire a qualcosa di più. Gabriele Randi ha chiuso 11°, Cristian Dorigatti 18°.

Finali Speed – Youth B femminile
1 Close Callie USA; 2 Brockfeld Nuria GER; 3 Lebon Manon FRA; 4 Carter Oceana USA; 5 Copar Sara SLO; 6 Ivanenko Alina RUS; 7 Noh Heeju KOR; 8 Burova Oksana UKR

Finali Speed – Youth B maschile
1 Ilchyshyn Hryhorii UKR; 2 Kuang Oliver USA; 3 Le Dylan CAN; 4 Rontini Marco ITA; 5 Ryzhov Maksim RUS; 6 Bryakin Yevgeniy KAZ; 7 Kim Juho KOR; 8 Desloges Thibaud FRA

Finali Speed – Junior maschile
1 Rukin Sergey RUS; 2 Nagaev Almaz RUS; 3 Adi Mulyono Rahmad INA; 4 Tkach Yaroslav UKR; 5 Daukaev Eduard RUS; 6 Seto Seto INA; 7 Shin Yugwan KOR; 8 Bratschi Noah USA