MENU

16 luglio 2020

Alpinismo e Spedizioni · Vertical · Alpi Occidentali · Aree Montane · Italia · Valle d'Aosta

Monte Bianco: Michał Czech e Wadim Jabłoński completano l’integrale di Peuterey in 29 ore

Wadim Jabłoński e Michał Czech. Foto: W.Jablonski/fonte:facebook

I due alpinisti polacchi superano la lunga cresta che conduce alla vetta del Monte Bianco in 29 ore

I polacchi Michał Czech e Wadim Jabłoński hanno completato, dal 9 al 10 luglio scorsi,  la leggendaria  Integrale di Peuterey, la cresta che conduce alla vetta del Monte Bianco (4.810 m). Hanno iniziato la loro scalata a mezzanotte  per giungere in cima dopo 29 ore di attività. Questa è probabilmente la quinta salita polacca.

L’anno scorso, Michał, insieme a Gabriel Korbiel e Jakub Kokowski, aveva sconfitto la mitica “Divine Provvidence”, che corre lungo il Grand Pilier d’Angle, e poi una parte della Cresta di Peuterey. Per Michał è stata una sorta di preludio a completare l’Integrale di Peuterey.

Michal qualche giorno fa è tornato sul Monte Bianco con Wadim.

I due si preparavano a questa “avventura” alpina da molti mesi. A gennaio avevano superato “Halucynacje” (M6 +, 650 m, in team con Maciej Kimel) nel massiccio del Gerlacha, e una settimana dopo hanno impiegato solo 44 ore per superare le tre grandi pareti Nord – la cosiddetta Trilogia dei Tatra.

Il racconto di Wadim

“La mia più grande avventura alpina insieme a Michał ha avuto un lieto fine  sabato, quando ci siamo ritrovati a Les Houches, sul versante francese del massiccio del Monte Bianco. Tuttavia, ha avuto inizio pochi giorni prima nei prati e nei boschi della Val Veny italiana. Ancor prima di partire, sapevamo che il nostro viaggio verso le Alpi sarebbe stato finalizzato a scalare una delle vie di arrampicata più lunghe e famose delle Alpi: l’enorme Cresta di Peuterey che porta alla cima del Monte Bianco.

Mercoledì 8 luglio, nel pomeriggio,  finiamo il lavoro sul mio furgone e dopo un breve pisolino pomeridiano, alle 21 lasciamo il parcheggio vicino al camping italiano di Peuterey. La temperatura è perfetta, l’approccio notturno è un’ottima decisione. A mezzanotte saliamo i primi metri della via e già intorno alle 8:30 facciamo colazione vicino alla cima dell’Aiguille Noire de Peuterey. Va tutto liscio senza intoppi e dopo 2 ore arriviamo al canalone, da cui iniziamo a cercare la via attraverso la famigerata Dames Anglaises.”

Fonte: Wadim Jablonski/facebook

“Nonostante il percorso complicato e la vaga descrizione di questa sezione, riusciamo a passare Les Dames in modo impeccabile in 4 ore, senza bloccarci nemmeno una volta. Sfortunatamente, nell’ultima discesa al bivacco Craveri, la caduta di una pietra ci taglia circa 10 metri di corda.

Alle 15 raggiungiamo il  Craveri, dove decidiamo di riposare per un po’ – finalmente possiamo dormire una notte. Cuciniamo, beviamo, mangiamo  e dormiamo  per circa un’ora e mezza. Sappiamo che non possiamo stare al rifugio, perché da domani mattina è previsto un cambiamento meteo. Alle 18:00, quando il sole non disturba più così tanto, entriamo nell’Aiguilles Blanches de Peuterey. Raggiungiamo la vetta tra gli ultimi raggi di sole al tramonto.

Procediamo verso il Col de Peuterey con una corda tagliata. Sfortunatamente, la necessità di attraversare il nodo ci rallenta considerevolmente e l’enorme fatica e la tarda notte  ci fanno sentire i primi segni di stanchezza. Vi dirigiamo verso la parete del Grand Pilier d’Angle. Lo abbiamo superato in poco più di un’ora. È già l’una del mattino, fa freddo e c’è vento. Arrivano allucinazioni, mal di testa e un irresistibile desiderio di dormire. Ci sediamo  vicino alla cima del pilastro e decidiamo di dormire seduti finché il freddo non ci sveglia. Ci sediamo, ci avvolgiamo in un sottile sacco a pelo e perdiamo immediatamente coscienza. Dopo circa mezz’ora ci svegliamo con convulsioni, sperando che un breve reset del cervello ci permetterà di raggiungere Vallota – il rifugio più vicino, situato in discesa dal Monte Bianco.

Iniziamo l’ultima marcia verso la cima del Monte Bianco di Courmayeur. .. È tragico – mal di testa e stanchezza sono al culmine, ci addormentiamo brevemente mentre ci arrampichiamo su un pendio abbastanza ripido di neve ghiacciata. Michał sente delle voci e io mi dico che l’unica opzione è quella di continuare a scalare.

I primi segni di un cambiamento sul fronte meteo sono un vento molto forte, pungente e la scarsa visibilità. Con un forte vento, alle 5 del mattino siamo in cima al Monte Bianco. Lo attraversiamo praticamente senza sosta e fare foto è fuori discussione. Il nostro unico obiettivo è essere al sicuro. La nostra unica meta è un rifugio: a Vallot ci aspetta l’opportunità di dormire senza il rischio di congelamento. Ci arriviamo dopo 45 minuti e ci addormentiamo immediatamente.”

La discesa

“Va detto che ci è voluto più tempo per la discesa dal Bianco  che per la salita. Stanchezza, scarsa acclimatazione e mancanza di riposo hanno fatto sì che dopo aver dormito per alcune ore al Vallota e scendendo, siamo rimasti al rifugio Gouter fino a sabato. Nel pomeriggio siamo riusciti a raggiungere Les Houches, dove abbiamo concluso con successo la nostra avventura.
Siamo entrati nell’Aiguille Noire precedentemente, per acclimatarci e per approcciarci alla parte inferiore della via, in modo da riuscire a superarla nel buio (la maggior parte delle foto e dei video della Noire che pubblichiamo sono relativi a questa uscita). Michał conosceva la fine della via dal Pillar. Abbiamo fatto gran parte della  via durante l’avvicinamento.” (Fonte)

Intégrale di Peuterey TD/ED1, 4500 m, 29 ore, 9-10.07.2020
Attività quasi non-stop (solo 2 ore di sonno), avvicinamento diretto dal parcheggio in Val Veny (avvicinamento +1000 m). La lunghezza della via, compresa la discesa, è di 45 km.
Salitori: Wadim Jabłoński e Michał Czech