MENU

2 agosto 2018

Altri · Canyoning · Aree Montane · Europa · Isole

Quattro escursionisti muoiono in Corsica facendo canyoning. Tra le vittime una bimba di 7 anni

Canyon du Zoicu. Fonte: corse-aventure.com

Una donna ancora dispersa

Quattro escursionisti sono morti ieri, tra questi una bambina di sette anni e suo padre, mentre una donna risulta dispersa, dopo essere travolti dall’acqua, mentre stavano facendo canyoning, nel Canyon Zoicu in Corsica. Tra le vittime anche la guida.

Secondo francebleu.fr, sarebbero stati sorpresi dalla rapida e violenta salita del livello delle acque nello Zoicu,  affluente del Liamone, noto per la pratica del canyoning, del kayak e dell’escursionismo. Un’alluvione probabilmente causata dalle piogge abbondanti cadute nel primo pomeriggio sull’altopiano di Camputile, vicino al Lago Crenu.

Altre due persone, tra cui la madre della piccola, sono invece sopravvissute e ricoverate in stato di choc, secondo quanto riferisce il procuratore di Ajaccio Eric Bouillard.

Stamani sono riprese a Soccia le ricerche interrotte per la notte della donna dispersa. Sul posto sono al lavoro un elicottero della gendarmeria, scrive Corse Matin, e otto sommozzatori dei vigili del fuoco e dei gendarmi.

Dai primi elementi l’incidente sarebbe dovuto a “imprudenza”. In tutto 13 escursionisti (12 partecipanti e la guida) avevano iniziato la discesa del canyon.
Ma “man mano che aumentavano le difficoltà” alcune persone hanno rinunciato, ha aggiunto il procuratore. I restanti 7 hanno continuato la discesa fino a quando l’acqua li ha investiti.