MENU

19 settembre 2019

Solidarietà. Spedizione in Nepal per aiutare l’ospedale infantile di Kathmandu

Foto arch.Expéditions Solidaires

Dopo una prima spedizione nel 2017 per permettere a due persone ipovedenti di scoprire il Nepal e sostenere  l’ospedale materno-infantile di Kathmandu, Remi ed Eric, fondatori dell’Associazione Expeditions Solidaires, ritorneranno in Nepal a ottobre. Obiettivo: una nuova salita e continurare a raccogliere fondi per l’acquisto di attrezzature mediche

Uno è un dirigente d’azienda, l’altro è un medico umanitario. Insieme hanno fondato l’Associazione Expéditions Solidaires, che  ha già permesso a due ipovedenti di scoprire il Nepal, durante la spedizione A Eye to the Top. Allo stesso tempo, una campagna di raccolta fondi ha permesso di donare 5.000 euro all’ospedale Ishan Children and Women’s Hospital di Kathmandu e di sostenere l’Istituto Curie in Francia nelle sue ricerche per combattere il cancro agli occhi.

Rémi ed Eric hanno deciso di intraprendere una nuova sfida in ottobre, tornando in Nepal, per tentare la salita il Tilichoi Peak (7.134 m), nella catena dell’Annapurna. Ma l’obiettivo della spedizione andrà oltre la conquista della vetta. I due alpinisti intendono aiutare nuovamente l’ospedale materno-infantile di Kathmandu. L’obiettivo questa volta è raccogliere 110.000 € per acquisire apparecchiature chirurgiche di laparoscopia, una “tecnica chirurgica per ridurre significativamente ai bambini il dolore post-operatorio , i rischi infettivi e il tempo di ricovero”.

Con la campagna di crowdfunding Expedition “Les enfants au sommet” di  Expeditions Solidaires sono già stati raccolti  oltre 60.000 Euro. Rémi ed Eric  precisano:  “tutte le donazioni ricevute saranno utilizzate integralmente per l’acquisto di attrezzature chirurgiche. Il costo della spedizione è assicurato nella sua interezza da fondi personali.”

Per supportare il progetto, accedere alla piattaforma Hello Asso