MENU

10 ottobre 2019

Ambiente e Territorio · Cultura · Alpi Occidentali · Aree Montane · Italia · Piemonte · Narrativa

Marco Rolando

Il vecchio e l’aquila

La storia di Modesto, vecchio saggio dai saldi principi morali, e del suo rapporto con la valle di Ceresole Reale, nel Parco Nazionale del Gran Paradiso

E’ in libreria la nuova fatica del poliedrico Marco Rolando, scultore del legno, docente di arte dell’intaglio su legno, ma anche maestro di nordic walking  e autore di romanzi ambientati in montagna.

Il suo secondo libro, “Il vecchio e l’aquila”  (ed. Hever), parla della storia di Modesto, vecchio saggio dai saldi principi morali, e del suo rapporto con la valle di Ceresole Reale. È il protagonista di storie e vicissitudini in questo fantastico scenario, che lui ormai considera casa sua; gli fanno da spalla personaggi “speciali” come Flip, don Luigi, Bartolo e altri; ma soprattutto Elio, che è la vera e propria voce narrante.

L’incontro in gioventù con un’aquila ferita condiziona la vita di Modesto e il suo modo di pensare, che diventa spunto di riflessione e stimolo ad “alzarsi in volo” per vivere dall’alto, virtualmente, le vicende del paese, come spettatori privilegiati in giro nell’aria pura degli orizzonti di montagna.

Questo particolare stratagemma avvicina Modesto, in modo forte e profondo, alla combriccola dei ragazzi ceresolini, che non vedono l’ora di incontrarlo per farsi raccontare le sue storie, seduti in cerchio, come novelli cavalieri di una particolare “tavola rotonda”, dove le uniche armi ammesse sono la voglia di condividere e la purezza d’animo.

“Comba”, questo è il nome dell’aquila, porta a scoprire personaggi, animali e luoghi particolari, che caratterizzano una vita sana e sovente serena, ma anche aspra e diretta, come può essere quella vissuta in alta montagna.

Nel finale, l’Elio giovane torna a essere Elio papà, scultore innamorato dei monti, il quale riprende il fil rouge tracciato con il volume Omini di pietra, per continuare a tramandare, a sua figlia Gaia, la cultura alpina, fatta di momenti vissuti, ma anche di saperi ancestrali che portano a imparare, capire, conoscere.

Presentazione a Torino, giovedì 10 ottobre 2019

Il vecchio e l’aquila di Marco Rolando (Hever Edizioni), sarà presentato alla Libreria La Montagna (via Sacchi 28 bis) a Torino, oggi 10 ottobre, alle ore 18,30.
All’incontro con l’autore interverrà Helena Verlucca di Hever Edizioni.

L’Autore

Marco Rolando, nato l’11 luglio 1966, appassionato di scultura e di tutto ciò che riguarda il legno fin da bambino, inizia a scolpire con sempre maggior interesse dal 1990, prima come autodidatta, poi presso la bottega-scuola di uno dei più affermati scultori valdostani: Giuseppe Binel.

Dopo cinque anni di studio delle tecniche, uso degli strumenti e rispetto delle proporzioni e delle dimensioni, inizia a partecipare alle varie fiere ed esposizioni del settore.
Dal 2000 si dedica alla scultura e all’intaglio praticamente a tempo pieno, dividendo in inverno il suo tempo con l’insegnamento dello sci nordico, di cui è maestro federale.

Insegna l’arte dell’intaglio su legno a punta di coltello nel suo studio-laboratorio o nei vari corsi organizzati da enti ed associazioni.

Il suo primo libro, “Omini di pietra. La leggenda di Pierre e Jacques”, un ode ai valori semplici e più puri della montagna, è stato pubblicato, sempre da Hever Edizioni, nel 2018.

 


Il vecchio e l’aquila

Autore: Marco Rolando

- Ivrea (TO) - 2019

Pagine: 232

Prezzo di copertina: € 15


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: