Camminare: dalla breve escursione di una giornata al trekking di più giorni; scavalcando dislivelli o lungo percorsi piani; seguendo le antiche vie dei pellegrini o itinerari urbani visti con occhi nuovi; con lo zaino in spalla e i bastoncini, in gruppo o da soli, senza una mèta nè tempi da rispettare o fino alla “fine delle terre”.

Sempre e comunque camminare: per scoprire mondi nuovi, per ritrovare il gusto della “velocità lenta”, per ritrovare se stessi o il gusto dell’incontro con l’altro e con il mondo.

LOWA dedica il progetto “LOWA FOR WALKING” al camminare, in tutte le sue forme ed espressioni: una dimensione a cui da sempre l’azienda leader nelle calzature Trekking e Outdoor è orientata, secondo la filosofia di una “walking company” che ha fatto di Qualità, Comfort, Funzionalità e Innovazione ai massimi livelli i suoi assi cardinali.

Con la collaborazione della redazione di Mountainblog, LOWA FOR WALKING percorrerà un itinerario lungo Cammini e Camminatori, suggestioni letterarie e consigli tecnici, eventi e percorsi: buon viaggio!

Andrea Bianchi

Argomenti

Video

Camminare con Lowa

TRA LE CASCATE DEL FOSSO DELLA MOLA
Sentieri di gennaio

pubblicato da: Mountain Blog in Lowa for walking,Walking 2 gennaio, 2013 @ 12:36 pm

Tra Castel Giuliano e Cerveteri si sviluppa una rete di sentieri intorno al Fosso della Mola con dislivelli modesti ma ricchi di angoli nascosti di indubbia bellezza ed è questo il primo tour escursionistico suggerito dall’Associazione Four Seasons per gennaio 2013.

Sotto la guida di Daniela Boccassino, i partecipanti incontreranno prima un affluente del fosso della Mola e quindi il fosso vero e proprio. Subito si farà  la conoscenza con il tufo di cui sono formate queste gole, quindi, tra pascoli con cavalli e mucche al pascolo, si arriverà alla prima cascata.

Qui il fosso di butta nella gola, tra spettacolari roccette di basalto, con un salto di 160 m. Nei pressi si erge un antico ponte in rovina fatto ad arcate. Con un sentiero a gradini si scenderà fino ai piedi dello spettacolare salto per osservare le formazioni geologiche ivi presenti e l’incantevole e selvaggio ambiente in cui ci si trova in poco tempo immersi.

Si proseguirà quindi lungo il fosso della Mola con una sosta alle antiche ferriere di origine etrusca. Una volta ripartiti, si arriverà quindi alla seconda cascata, formata, questa volta, dal fosso Monte La Guardia che si getta nel fosso della Mola con un altro spettacolare salto tra rocce di basalto colonnare, molto raro in Italia a dalla forma particolare forma esagonale.

Continuando l’itinerario sul muretto dell’acquedotto si dovrà passare una breve elevazione per raggiungere la terza fragorosa cascata che dà origine a un bel laghetto.

Il percorso ora diviene molto comodo seguendo una larga carrareccia dove una deviazione porta alla quarta cascata che forma un’altro piccolo laghetto con le acque verdi del fosso della Mola.

La meta, Il Fosso della Mola e le sue cascate, si raggiungerà in  4 ore.
Note: Sono obbligatori gli scarponcini da trekking alti per guadare corsi d’acqua.
Cosa portare: abbigliamento comodo e adatto alla stagione, k-way, acqua (almeno 1 l)
Pasti: pranzo al sacco (non fornito)

Data partenza: 13-01-2013
Dislivello: 150 m
Lunghezza: 8 km
Profilo itinerario: a/r

 

Info:
www.viagginaturaecultura.it/

Articoli simili

Share

Commenti chiusi


------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Mountain Blog è un supplemento alla testata Blogosphera, registrata presso il tribunale di Trento (n. 1369/08)
Blogosphera: Direttore responsabile: Roberto Fonda - Responsabile editoriale: Andrea Bianchi - Editore: Etymo srl
Redazione: c/o Etymo srl - Via Brescia, 37 - 38122 Trento (TN) - tel. 0461.236456 - redazione@etymo.com
© 2006-2009 etymo s.r.l. P.IVA 02242430219. Alcuni diritti sono riservati sotto licenza Licenza Creative Commons.