MENU

21 dicembre 2015

Ambiente e Territorio · Ambiente e Territorio · attività istituzionali del CAI · Club Alpino Italiano · experience · finanziamenti al Club Alpino Italiano · finanziamenti pubblici · fondi per il CAI · legge di stabilità · politiche per la montagna · Roger De Menech · Umberto Martini

CLUB ALPINO ITALIANO. Torna il finanziamento per le attività istituzionali del CAI

600px-LogoCAI-DOPO ANNI DI TAGLI, TORNA IL FINANZIAMENTO PER LE ATTIVITÀ ISTITUZIONALI DEL CLUB ALPINO ITALIANO

Con un comunicato, il presidente generale del CAI Umberto Martini ha espresso al sua soddisfazione per l’inserimento nella legge di stabilità delle risorse per il finanziamento delle attività del CAI e concorda con quanto afferma l’on. De Menech in merito ad alcune polemiche apparse sulla stampa nei giorni scorsi in merito ai fondi per il CAI.

“Per prima cosa – ha dichiarato Martini – voglio ringraziare l’on Roger De Menech, vicepresidente del Gruppo interparlamentare per lo sviluppo della montagna, per l’emendamento che ha consentito di riportare nella legge di stabilità il finanziamento per il CAI. Oltre a lui, il mio grazie va anche ai parlamentari di tutte le forze politiche che lo hanno sostenuto in Commissione bilancio. E’ noto che il CAI è un ente di diritto pubblico di natura associativa che opera in favore di tutta la collettività – ha proseguito Martini – e non solo di alpinisti e escursionisti. Sono migliaia i volontari del CAI, accompagnatori, istruttori, studiosi e soccorritori che mettono la loro competenza a disposizione dei frequentatori delle montagne e delle popolazioni delle terre alte. Garantiamo rifugi, bivacchi, manutenzione della rete sentieristica, formazione, monitoraggio, ricerca scientifica, difesa dell’ambiente e soccorso alpino, solo per citare alcune delle nostre attività”.

“Dopo anni di tagli che avevano azzerato i finanziamenti, finalmente – afferma Martini – si è tornati a riconoscere l’importanza per il nostro Paese delle attività del Club alpino italiano e dei suoi volontari insieme alla necessità di sostenere la montagna anche attraverso il lavoro di chi, come noi, le si dedica a favore di tutti. Sostegno che è sancito nell’articolo 44 della Costituzione Italiana. Le affermazioni strumentali apparse in questi giorni sulla stampa sono dovute a una evidente scarsa conoscenza della materia e del Club alpino italiano. Voglio infine ringraziare tutti i nostri 310.000 soci per l’impegno e il lavoro che ogni giorno svolgono per la tutela della montagna, per consentirne una frequentazione libera, responsabile e sostenibile”.

Fonte Comunicato Club Alpino Italiano

Tags: , , , , , , , , , ,