MENU

12 marzo 2018

Climbing · Vertical · Europa

Carlos Soria, Urko Carmona, Alex e Thomas Huber: un gruppo unico, sulla Pared de Santillana. Guarda il video

da sinistra: Carlos Soria, Thomas e Alex Huber, Urko Carmona. Foto: Dario Rodriguez/Desnivel

Un gruppo unico, condivide una giornata di arrampicata a La Pared de Santillana, uno dei grandi itinerari classici de La Pedriza. Carlos Soria e Thomas Huber (padre di Alex) hanno entrambi la stessa età: 78 anni. In cordata, Carlos ha scalato con Urko Carmona, amputato di una gamba

Carlos Soria scalò La Pared de Santillana quando era molto giovane, all’età di 16 anni, con il suo amico Antonio Riaño. Lo fece con una vecchia corda di canapa che un  amico aveva estratto dall’asta della bandiera. Da allora, Carlos ha compiuto questa salita almeno una volta all’anno. Molte volte con gli amici e anche, quando possibile, da solo, senza corda.

La Pared de Santillana è alta circa 120 metri e, nonostante la sua ripidità, è una salita facile con ottime  prese, in genere piuttosto grandi. Si tratta di una scalata classica intorno al IVº, ad eccezione di una parte più difficile, nella fase iniziale.

Per raggiungere la Pared de Santillana sono necessarie due ore di cammino; durante l’approccio, si possono ammirare alcuni angoli poco conosciuti di La Pedriza. Vi si accede da diversi percorsi, tra cui  un bellissimo itinerario circolare.

Urko Carmona, Alex Huber e suo padre Thomas il 2 novembre si trovavano a Moralzarzal per partecipare ai Mountain Days organizzati da Carlos Soria, che ha approfittato dell’occasione per organizzare insieme a loro una giornata a La Pedriza.

Il gruppo non poteva essere migliore: Carlos Soria e Thomas Huber (padre di Alex Huber) hanno condiviso questa esperienza il giorno del loro compleanno. I due hanno, infatti, la stessa età, 78 anni.

Urko Carmona e Carlos Soria (78 anni). Foto: Dario. Rodriguez/Desnivel

Urko Carmona non ha avuto problemi nell’affrontare la marcia di avvicinamento alla parete, della durata di due ore. Ha preferito non posare la stampella sulla schiena durante la salita e fare la discesa saltando su una gamba e, nei passi più complicati, scendendo seduto usando le braccia come unico supporto.

Con suo padre Thomas, è salito anche Alex Huber, che cerca sempre di condividere con lui viaggi e scalate. “Arrampicare con lui rende le giornate sempre speciali. Abbiamo ancora qualche anno per condividere la nostra passione insieme”, ha dichiarato.

Ecco il video di quest giornata speciale a La Pedriza.

Fonte