MENU

11 luglio 2019

Alpinismo e Spedizioni · Vertical · Ambiente e Territorio · Resto del Mondo

L’Everest (8.848 m) rimarrà sempre aperto per le spedizioni

Everest. Fonte: Wikipedia

Il Dipartimento del turismo (DoT) nepalese  con una comunicazione ufficiale smentisce le voci divulgate dai social media

A seguito di notizie apparse sui social media,  inerenti la chiusura temporanea del  Monte Everest alle spedizioni , lunedì il dipartimento del turismo nepalese ha rilasciato una dichiarazione ufficiale in fui ha  affermato che tali  sono infondate e che il Monte Everest non sarà chiuso alle spedizioni.

Si precisa inoltre che, insieme al Monte Everest, nessuna delle altre 414 montagne aperte alle spedizioni rimarrà chiusa nella prossima stagione piuttosto che per un periodo di breve durata. E’ inoltre stata costituita una commissione per risolvere problematiche relative all’Everest.

“Dal momento che abbiamo costituito un comitato per risolvere le questioni riguardanti il ​​Monte Everest, non è appropriato diffondere voci  sulla chiusura della montagna – ha riferito Meera Acharya, direttore del dipartimento di alpinismo del DoT – voci che avranno un impatto negativo sul paese per quanto riguarda l’ambito alpinistico”, ha aggiunto.

“La stagione primaverile del 2019 si è recentemente conclusa con un numero record di spedizioni. A questo proposito, sono state sollevate diverse domante relative all’Everest, che stiamo cercando di risolvere “, ha affermato Acharya. “Ci stiamo impegnando per rendere questo settore più gestibile e sicuro”.

In merito alla questione, il DoT ha recentemente contattato varie  le parti interessate, tra cui l’Associazione alpinistica Nepalese e l’Associazione del Nepal delle agenzie di trekking, per ottenere da loro suggerimenti, ha informato.

Ricordiamo che, poco dopo la chiusura della stagione alpinistica primaverile, il DoT, in collaborazione con altre parti coinvolte, ha  condotto una campagna di pulizia sull’Everest.

Nella stagione primaverile 2019, il DoT ha concesso permessi di scalata per l’Everest a 381 alpinisti, di cui 14 nepalesi, raccogliendo  dalle spedizioni  royalty per un valore di Rs 442 milioni.

Fonte: THT