MENU

10 luglio 2020

Running · Sky Running · Alpi Centrali · Alpi Orientali · Aree Montane · Italia · Lombardia · Trentino Alto Adige

Ortles-Cevedale: traversata delle 13 cime in meno di 8 ore. Nuovo primato di Pintarelli e Boffelli

Gil Pintarelli e William Boffelli. Fonte: katjacolturisportnews/ffacebook

I due skyrunner hanno completato la traversata in 7 ore e 50 minuti, polverizzando il precedente tempo di Antonioli e Confortola (9 ore 52)

Prestigioso primato per l’atleta trentino della Val di Rabbi Gil Pintarelli e per il bergamasco William Boffelli della Val Brembana, che hanno stabilito un nuovo record della traversate delle “13 cime” del gruppo dell’Ortles Cevedale, soffiandolo ai valtellinesi Robert Antonioli e Stefano Confortola.

Si tratta di una classica dell’alpinismo lombardo-trentino, molto nota anche a livello europeo, che consente di aggirare da nord verso sud e rientrando ad ovest, uno dei maggiori complessi glaciali d’Italia.

Pintarelli e Boffelli hanno fissato il nuovo primato in 7 ore e 50 minuti, battendo il precedente tempo di Antonioli e Confortola di 9 ore e 52 minuti.

Una lunga cavalcata sullo spartiacque tra Lombardia e Trentino,  immersa nel cuore del Parco nazionale dello Stelvio e che consente di aggirare da nord verso sud e rientrando ad ovest, uno dei maggiori complessi glaciali d’Italia: dalla vedretta del Cevedale, alla vedretta de la Mare, vedretta Rossa e l’imponente ghiacciaio dei Forni, che costituisce la più estesa colata glaciale di tipo himalaiano delle Alpi italiane.
Le 13 cime toccate dai due corridori delle vette sono il Pizzo Tresero, Punta Pedranzini, Cima Dosegù, San Matteo, Monte Giumella, Punta Cadini, Rocca Santa Caterina, Cima di Pejo, Punta Taviela, Monte Vioz, Palon de La Mare, Monte Rosole e Cevedale, per uno sviluppo di 37 chilometri e un dislivello positivo di 4.000 metri su montagne tutte superiori ai 3.400 metri, con la cima più alta rappresentata dal Cevedale (3.769 m).

Nella notte di mercoledì 8 luglio, alle ore 1.22, i due atleti sono partiti dalla piazza centrale di Santa Caterina Valfurva, salendo verso il Pizzo Tresero: la lunga traversata di corsa si è conclusa transitando alla fine per il rifugio Pizzini in Val Cedec, ai piedi del Gran Zebrù.

Il commento di Pintarelli: “In questo anno senza gare la fantasia nel fare record è scoppiata… Noi abbiamo voluto fare un giro che rappresenta l’essenza dello syrunning le 13 cime dal Tresero al Cevedale una cresta continua di neve e roccia lunga 16km sempre sopra i 3300m con Partenza e arrivo da Santa Caterina Valfurva. I complimenti a chi si è messo in gioco prima di noi Robertaccio e Stefano Confortola, stabilendo un primato che era di 9h e 52’… Oggi io e William Boffelli ci abbiamo messo 7h 50′ stabilendo il nuovo primato. È solo sport, è solo un gioco, non serve a nulla… Ma a noi piace così”.

Approfondimento