MENU

27 maggio 2019

Alpinismo e Spedizioni · Vertical · Ambiente e Territorio · Resto del Mondo

Raccolte 10 tonnellate di rifiuti sull’Everest

Personale dell’esercito nepalese trasporta bombole di ossigeno recuperate dai campi alti dell’Everest durante la campagna di pulizia a Namche Bazaar, lunedì 27 maggio 2019. Foto: Skanda Gautam / THT

Si è conclusa, dopo oltre un mese, l’operazione di pulizia sulla montagna più alta del mondo

La mega operazione di pulizia condotta sulla montagna più alta del pianeta, si è conclusa  con la raccolta di oltre 10.000 chilogrammi di rifiuti. E’ stato reso noto oggi. E’ la prima volta che accade nella storia alpinistica dell’Everest.

“Durante la campagna, sono stati recuperati dai campi alti dell’Everest anche quattro cadaveri oltre ai rifiuti abbandonati dagli scalatori di tutto il mondo “, ha riferito Ang Dorje Sherpa, presidente del Comitato per il controllo dell’inquinamento di Sagarmatha a THT.

L’operazione è stata condotta dall’esercito nepalese in collaborazione  con diversi enti tra cui l’Associazione alpinistica del Nepal, Khumbu Pasang Lhamu Rural Municipality e Sagarmatha Buffer Zone, ha aggiunto.

Rifiuti sull’Everest. Fonte: THT

Diverse squadre hanno trascorso  più di un mese al campo base dell’Everest, a Campo II e Campo IV per ripulire la montagna. “Oltre 6.000 kg di rifiuti sono stati raccolti dal campo base e dai campi alti”, ha comunicato Ang Dorje Sherpa, aggiungendo che anche  gruppi della comunità locale si sono uniti ai miliatri per mantenere pulita la regione del Khumbu.

Il maggiore Dipendra Neupane dell’esercito nepalese ha affermato che per gestire la campagna di pulizia sono stati spesi oltre 23 milioni di rupie. L’operazione dovrebbe ripetersi nei prossimi anni.

Militari nepalesi camminano intorno ai rifiuti recuperati ai campi alti dell’Everest durante la Everest Clean-up Campaign a Namche Bazaar, il 27 maggio 2019. Foto: Skanda Gautam/THT