MENU

8 marzo 2018

Alpinismo e Spedizioni · Vertical · Resto del Mondo

Simone Moro racconta la salita del Pik Pobeda nel gelo della Siberia

Siberia: Tamara Lunger e Simone Moro (dx). Foto: Matteo Zanga

Simone Moro parla del Pik Pobeda e della salita più fredda della sua vita

Simone Moro ha raccontato la sua prima ascensione invernale del Pik Pobeda (3.003 metri) in Siberia, avvenuta nei primi mesi del febbraio 2018, al magazine Rock and Ice. Insieme alla sua compagna di cordata, Tamara Lunger, Moro ha affrontato la  remota catena dei monti Cerskij,  nota per le temperature più fredde del pianeta, in una spedizione unica nel suo genere, con motoslitte, sci, renne, tanta neve e alpinismo.

Simone detiene il maggior numero di ascensioni in prima invernale sugli ottomila con le scalate di quattro vette: Shisha Pangma (2005), Makalu (2009), Gasherbrum II (2011) e Nanga Parbat (2016). È salito sulla vetta di otto dei quattordici ottomila. Lunger ha una notevole esperienza e insieme a Moro ha partecipato alla prima salita invernale del Nanga Parbat nel 2016, rinunciando poco prima della cima.

Il viaggio in Siberia di Lunger e Moro. Foto: Matteo Zanga

Di seguito, vi proponiamo l’intervista rilasciata da Simone Moro a Michael Levy di Rock and Ice, in cui racconta la sua esperienza in Siberia:

Come avete deciso tu e Tamara a decidere di scalare il Pik Pobeda?
Ho trovato un articolo nel maggiore quotidiano italiano, e riguardava i luoghi più freddi del pianeta in cui vivono gli uomini. Il primato era di due città molto vicine: Yakutsk e Oymyakon. Entrambe in Siberia. Quest’ultima aveva la temperatura più fredda mai vista in una città, -71,3 ° C o circa -96 ° F.

La temperatura media a Oymyakon è di circa -47 ° C. Sono specializzato in alpinismo invernale, quindi ero curioso. Mi sono detto: “Vediamo se ci sono montagne lì”. E ci sono! La catena dei monti Chersky. La vetta più alta della regione è il Pik Pobeda. Così ho deciso di fare un’esplorazione nel vero gelo estremo.

Come si arriva a Oymyakon?
La prima cosa che devo dirti è che per arrivarci abbiamo affrontato un lungo, lungo viaggio. Abbiamo dovuto prendere tre voli, uno a Mosca, tre ore e mezza, un volo interno di sette ore e mezza, e poi un altro volo interno di due ore. Poi abbiamo trascorso un’intera giornata in un minibus a trazione integrale e, successivamente, mezza giornata sulle motoslitte. Finalmente siamo arrivati in una capanna dove vivevano i nomadi locali. Dove siamo stati, nel bel mezzo del nulla, c’erano tre persone  che si prendevano cura di circa 2.000 renne. Dalla capanna ci sono volute altre tre ore in motoslitta per raggiungere il campo base.

Simone Moro sul Pik Pobeda, Siberia. Foto: Tamara Lunger

Puoi parlarci della strategia della salita?
Abbiamo capito che un tempo nuvoloso poteva essere la migliore condizione per tentare la montagna perché la manteneva un po’ più calda. Circa -50 ° C. I cieli blu sono più belli, ma più freddi.

La neve è molto polverosa e molto secca quando fa così freddo. Completamente diverso dalle Alpi. Abbiamo scoperto che l’unico modo per muoversi era con gli sci e dovevamo aprire il sentiero per dieci miglia. Anche con gli sci la neve arrivava  fino alle ginocchia.

Ci siamo resi conto che dovevamo scalare questa montagna non in modo classico: in estate ci vogliono tre giorni per salire il Pik Pobeda (e comunque nessuno  lo ha fatto spesso). Inoltre, faceva troppo freddo per rimanere fuori per tre notti, in questa stagione.

Quindi abbiamo usato una strategia diversa: una salita veloce. Per prepararci, siamo tornati alla capanna dei nomadi e abbiamo trascorso quasi 10 giorni lì. Ci siamo allenati fuori al freddo tutti i giorni con gli sci, imparando alcuni trucchi: come muoversi e fare tutto a temperature estremamente basse.

Tamara Lunger sul Pik Pobeda, Siberia. Foto: Simone Moro

E come è andata la scalata?
Siamo partiti dal nostro campo base alle 8:00 del mattino. Ci sono solo 6 ore di luce di giorno [in quel periodo dell’anno].

Abbiamo usato gli sci fino alla base e poi sulla parete, piccozze e ramponi, affrontando anche sezioni rocciose di arrampicata mista. Non faceva così freddo quel giorno. La temperatura era di circa -35 ° C in vetta. Più andavamo in alto, più diventava caldo. Inversione classica.

Siamo saliti veramente leggeri e veloci. Avevamo integratori e barrette energetiche e quattro litri di tè caldo in un thermos. Nessuna stufa, nessuna attrezzatura da bivacco. Avevamo due faretti ciascuno. Ho lasciato bandierine di bambù lungo la via, ogni mezzo chilometro o giù di lì. E avevamo anche un GPS. Quindi abbiamo utilizzato sia sistemi molto antichi che moderni per facilitare il ritorno. Per noi era importante procedere senza sosta.

Siamo saliti con una corda per la maggior parte della salita, ma la parte più ripida l’abbiamo affrontata senza corda, perché in caso di caduta saremmo morti entrambi. Era ripido, molto scivoloso e molto ghiacciato. Siamo saliti in vetta (vai al video).

Siamo saliti dal campo base alla cima della montagna in 7 ore e 20 minuti. E siamo tornati al campo base in altre quattro ore. Quindi, molto velocemente rispetto alle altre salite realizzate in estate.

Simone Moro impegnato sulla delicata parete di misto del Pik Pobeda, Siberia. Foto: Tamara Lunger

Simone Moro impegnato sulla delicata parete di misto del Pik Pobeda, Siberia. Foto: Tamara Lunger

Com’è stato il confronto con le tue salite invernali in Himalaya?
Ci sono enormi differenze. In Siberia probabilmente fa anche più freddo che in Himalaya o in Karakoram. Ma le tue capacità fisiche sono maggiori. Quindi puoi andare molto più veloce e riscaldarti molto meglio in quota. Allo stesso tempo, il freddo non è così secco come a 8.000 metri. Quindi fa più freddo e il tuo corpo può produrre meglio il calore, ma se stai sudando non puoi smettere di muoverti altrimenti in pochi minuti diventi un blocco di ghiaccio. Ecco perché non abbiamo mai smesso di arrampicare. Anche in alta quota si ha la nausea e non si vuole mangiare o bere, ma in Siberia, dato che ci trovavamo a un’altitudine inferiore, eravamo sempre affamati e assetati.

Siberia. Foto: Matteo Zanga

Com’è la cultura locale?
I nomadi e la loro cultura sono davvero affascinanti. Queste persone curano quasi 2.000 renne in completa libertà nel deserto siberiano. Una volta   gli uomini sono stati fuori tutto il giorno e mi hanno detto che avevano trovato solo qualche renna, ma non erano preoccupati. Tornano sempre indietro. Indossano abiti naturali e giacche di pelle di volpe. Sanno il russo, ma parlano il loro dialetto Yakut. Prima vendevano carne di renna [per vivere], ma recentemente, a causa di una malattia che ha colpito questi animali, non possono più venderla. Ora vendono solo la pelliccia e le corna. Vendono le corna di renna (che ricrescono), in Cina, utilizzate come afrodisiaco e nelle medicine tradizionali. Ogni renna produce tre chili di corna all’anno e i Nomadi vengono pagati circa 50 euro al chilo. Ma è ancora una vita molto dura, inoltre non hanno posti dove spendere i soldi …

Pensi che in futuro farai altre scalate di questo tipo o che tornerai nella catena montuosa Chersky Range?
Questa spedizione mi ha dimostrato che ci sono ancora così tanti posti da esplorare. Potrei fare qualcosa di simile in questa regione: è enorme. Sono state scalate solo sei vette e la catena di Chersky è lunga oltre 1.500 chilometri! E c’erano così tante belle pareti ripide da scalare e da sciare. Ma non penso che sarà il mio prossimo progetto. Penso che tornerò sulle alte montagne. Probabilmente in inverno. Non posso dirti quale o dove, perché ho così tanti progetti tra cui decidere – innanzitutto, dipenderà da quello che mi farà innamorare. Inoltre ho deciso di scrivere un libro su questo viaggio in Siberia. Quindi il mio prossimo obiettivo è scrivere questo libro, fare conferenze e allenarmi duramente nelle Alpi.

  • look47

    Fantastico racconto, grazie Simone!